Matrimoni, per gli stranieri la meta più gettonata è l’Italia

di Fabiana Commenta

Toscana, Lombardia, Campania, Veneto, Lazio sono le regioni predilette dagli stranieri che scelgono di sposarsi in Italia: lo confermano i dati del Destination Wedding in Italia, curato dal Centro Studi Turistici di Firenze,  associazione che svolge attività di ricerca e studio nell’ambito del turismo da cui emerge che il Belpaese è la scelta più gettonata dagli stranieri che scelgono di sposarsi all’estero. 

Facile capire perché viste le eccellenze artistiche e le bontà enogastronomiche in grado di attirare chiunque. 

Il wedding tourism  o turismo matrimoniale continua a essere in costante crescita in particolare nelle fasce più ricche della società con un giro d’affari che vale ormai quasi 3 miliardi di euro e che potrebbe ulteriormente aumentare. La tendenza è partita ormai anni fa anche con tante star che hanno scelto le location italiane per sposarsi, come la coppia Tom Cruise-Katie Holmes al Castello Odescalchi di Bracciano nel 2006, Justin Timberlake e Jessica Biel, Sofia Coppola e Thomas Mars in Basilicata, Kim Kardashian e Kanye West a Firenze, George Clooney  e Amal Alamuddin nel faraonico matrimonio di Venezia. Una tendenza cavalcata da ricconi di ogni sorta. 

Nonostante Toscana, Lombardia, Campania, Veneto, Lazio siano le regioni più gettonate, Puglia, Sicilia e Calabria restano in testa alla classifica delle mete per i matrimoni più sfarzosi con spese da milioni e milioni di dollari. 

Sono soprattutto gli inglesi, (27.6%), gli americani (21.2%), gli australiani (8.9%), i tedeschi e i canadesi (5%) a scegliere le mete italiane, ma Cina e Russia sono paesi emergenti nel settore. Il budget medio di chi si sposa in Italia, ricconi a parte, è sostanzioso e pari a 54.000 euro, ma altre nazioni, Portogallo, Francia e Spagna inseguono l’Italia tenendo presente che si potrebbe investire meglio in un promettente giro d’affari del genere. 

 

ASSEGNO CONGEDO MATRIMONIALE, COME RICHIEDERLO 

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>