Indici Sintetici di Affidabilità, approvati in sostituzione degli studi di settore

di Fabiana Commenta

Arrivano i nuovi ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) che di fatto andranno a sostituire gli studi di settore relativamente tante diverse attività economiche come ad esempio l’agricoltura, le attività manifatturiere, il commercio o le professioni. 

studi di settore

I nuovi ISA verranno applicati al periodo d’imposta 2018 (in dichiarazione 2019 come comunicato dal Ministero dell’Economia che ha emanato il decreto che istituisce 106 nuovi indici fiscali per arrivare a un totale di 175. 

In sostanza gli ISA, introdotti con la legge 193/2016, articolo 7-bis, rappresentano degli indicatori di compliance, che posizionano ogni contribuente rispetto all’affidabilità dei suoi comportamenti fiscali lavorando su una scala che va da 1 a 10. 

L’indice si ottiene effettuando una media degli indicatori elementari di affidabilità fiscale che prendono in considerazione diversi elementi, la plausibilità di ricavi/compensi, valore aggiunto, reddito, l’affidabilità dei dati dichiarati, le anomalie economiche riscontrate. 

La nuova valutazione verrà effettuata attraverso il RAP, Rapporto di Affidabilità Personale, messo a disposizione di imprese e contribuenti nel cassetto fiscale dove il contribuente stesso potrà visualizzare indicatori e indice sintetico cambiando anche i proprio comportamenti nel momento in cui il grado di affidabilità misurato sia troppo basso.

Oltre al contollo, viene invece previsto un premio per i contribuenti virtuosi che registrano un alto grado di affidabilità in base agli ISA. 

In sostanza, tanto più è alto è il punteggio raccolto, tanto più alto il premio riconosciuto al soggetto virtuoso che potrà anche essere esonerato dagli accertamenti sintetici nel caso in cui riuscisse ad ottenere un 10.

Ma i benefici sono anche altri e includono, tra gli altri, anche l’esclusione dagli accertamenti basati sulle presunzioni semplici, la riduzione termine di decadenza attività di accertamento. 

STUDI DI SETTORE, PUBBLICATI I MODELLI

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>