Agevolazioni professionisti partita Iva

di GianniPug Commenta

I vantaggi e svantaggi partita Iva sono molti e quindi occorre adeguare la nostra situazione e valutare se è il caso o no di svoltare verso una carriera da libero professionista, ossia essere padroni di se stessi.

partita iva

L’apertura di una partita Iva rappresenta una pratica sempre da valutare con attenzione. I vantaggi e svantaggi partita Iva sono molti e quindi occorre adeguare la nostra situazione e valutare se è il caso o no di svoltare verso una carriera da libero professionista, ossia essere padroni di se stessi.

Ovviamente è bene considerare che la partita Iva non comporta solo obblighi fiscali e lo stato ha cercato di mettere in piedi delle agevolazioni proprio con le manovee finanziarie degli ultimi anni. Proprio lo scorso dicembre 2012, il Governo ha varato una serie di agevolazioni a favore dei professionisti e di tutti coloro che considerano l’apertura della partita Iva. In particolare tutti questi provvedimenti sono a favore del lavoratore.

Ad esempio una agevolazione molto interessante è rappresentata dal versamento dell’Iva per cassa. Questo significa che l’Iva potrà essere versata solamente dopo il pagamento da parte del cliente. Questa procedura ha dei limiti, infatti può essere utilizzato questo incentivo solo da parte dei lavoratori che fatturano meno di 2 milioni euro annui. Inoltre tale operazioni devono essere svolti con altri lavoratori autonomi con partita Iva

Altri limiti per questa agevolazione sono rappresentati dal fatto che tutti coloro che opteranno per questo regime fiscale dovranno rispettare l’obbligo di dichiarare esso nelle fatture ed inoltre saranno impossibilitati dal detrarre l’imposta pagata sugli acquisti. Essa potrà essere detratta solo nel momento in cui saranno stati incassati i relativi compensi. Altro obbligo è rappresentato dal mantenimento dello stesso regime fiscale per almeno tre anni.

Un’altra novità è rappresentata dall’introduzione dell’Aspi, ossia l’assicurazione sociale per l’impiego, anche per questa categoria. Tale sussidio di disoccupazione è di nuova costituzione ed è destinato ad una particolare categoria di lavoratori. Potranno goderne infatti solo coloro che hanno perso il posto da dipendente e hanno avviato un’attività in proprio.

Proprio da questo anno 2013 il lavoratore potrà mantenere il diritto a percepire l’Aspi se provvede a comunicare all’Inps la sua nuova occupazione. Non deve però incassare una somma superiore ai 4.800 euro annui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>