Sisma, arriva la garanzia dello Stato sui prestiti

di Emma Commenta

Al via la garanzia dello Stato sui prestiti che vengono concessi alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli agricoltori, che esercitano l’attività nelle zone colpite dai terremoti nel Centro Italia del 2016 e del 2017 come conferma il decreto del ministero dell’Economia del 3 agosto 2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 13 settembre.

Sisma, terremoto, accise, Sisma, terremoto, accise. pacchetto sisma

La garanzia dello Stato sui prestiti dei lavoratori che svolgono la propria attività nella zone colpite dal sisma era stata annunciata dal decreto legge 8/2017 prevedendo interventi a favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Imprese, lavoratori autonomi, esercenti di attività agricole possono chiedere prestiti con la garanzia pubblica per poter pagare i tributi sospesi dopo il sisma che ha colpito le zone del Centro Italia. 

Per i tributi relativi al 2016 e al 2017, il finanziamento sarà erogato il 30 novembre 2017, per i tributi relativi al 2018 il finanziamento sarà effettuato entro invece entro il 20 novembre 2018.

La garanzia di cui parla il decreto è una garanzia incondizionata, è irrevocabile ed è a prima richiesta. A concederla, la Cassa Depositi e Prestiti o direttamente le banche che coprono il prestito, gli interessi, ma anche le spese di gestione previste. Le condizioni finanziarie dei prestiti devono dovranno pertanto tenere conto della garanzia offerta dallo Stato.

SISMA, SBLOCCATI 1,2 MILIARDI DI EURO DAL PARLAMENTO EUROPEO

Le banche e i soggetti finanziatori dei prestito dovranno presentate una domanda per la garanzia al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro – Direzione VI rispettando alcune scadenze. La domanda va presentata entro 18 mesi dal decorso infruttuoso dei termini previsti dai contratti di finanziamento per il rimborso o entro sei mesi dalla pubblicazione della sentenza che dichiara l’inefficacia dei pagamenti.

Sarà necessario allegare il contratto di prestito, la richiesta di pagamento che non è stato effettuato e ben documentata, la copia della sentenza. Il Ministero potrà effettuare il pagamento solo dopo aver verificato la correttezza delle procedura prevista.

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>