Troppi soldi sul conto corrente, ecco i rischi

di Emma Commenta

Sono lontani i tempi in cui avere i soldi in banca poteva essere considerata una sicurezza. Adesso avere un conto corrente fin troppo sostanzioso potrebbe essere rischioso così come fa notare La legge per tutti che consiglia caldamente di diversificare il deposito in diversi conti bancari. 

Ma quali sono i diversi rischi in questione? Il peggiore chiaramente è il fallimento della banca, possibilità non tanto remota di questi tempi. Se in presenza di una situazione di indebitamento bancario, la legge prevede un ordine gerarchico ‘di rischio’: saranno i primi della lista coloro che perderanno subito i soldi. 

Quindi prima gli azionisti, poi i detentori di altri capitali, poi gli altri creditori e solo alla fine le persone fisiche e le piccole e medie imprese, ma che siano titolari di depositi per l’importo che superi i 100.000 euro. Insomma il consiglio è di tenere in banca una cifra inferiore al 100mila euro per non rischiare.

Non manca neppure l’inflazione che causa la perdita di potere d’acquisto: meglio orientarsi “su forme di investimento a basso rischio come titoli di Stato oppure obbligazioni emesse da banche solide”.

GRUPPO INTESA SAN PAOLO, GLI AUMENTI SUL CONTO CORRENTE

Da non sottovalutare neppure il rischio del pignoramento del conto corrente: nel caso di lavoratori dipendenti e i pensionati il pignoramento può partire solo per importi superiori a 1.345,56 euro, vale a dire tre volte l’assegno sociale. Il pignoramento parte dalle successive mensilità.

La crisi economica consiglia di pare un investimento che possa essere residente alle fluttuazioni dei mercati: meglio l’oro e gli immobili.

E non sono da sottovalutare le agevolazioni fiscali: sui conti corrente con una giacenza media annua inferiore a 5mila euro non va pagata neppure l’imposta di bollo.

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>