Home » Ricevuta bancaria detta anche Ri.Ba.

Ricevuta bancaria detta anche Ri.Ba.

Spread the love
Le ricevute bancarie (chiamate spesso Ri.Ba.) sono un documento utilizzato nelle transazioni commerciali che negli ultimi anni hanno ricevuto una notevole diffusione.

In sostanza, hanno la medesima funzione di una comune ricevuta: un creditore riconosce al debitore che il saldo della somma dovuta èavvenuto. Ma lo schema èun po’ pi๠complesso, perchè in questo caso entra in gioco anche la banca d’appoggio del fornitore.


Lo schema consueto èquesto: concluso il contratto con dilazione di pagamento, il venditore emette subito la ricevuta bancaria, che sarà  conservata dalla propria banca.

Quando si approssima la scadenza, il debitore èinformato dalla banca del fornitore (o magari dalla propria, allertata dall’altra, e dunque lo schema si complica ulteriormente) e provvederà  a saldare quanto dovuto, ottenendo in cambio la ricevuta che fungerà  da quietanza di pagamento.


In pratica, non èuna situazione molto diversa dalla ricevuta ordinaria, salvo che il creditore comincia ad emetterla in anticipo. Si parla in tal senso di Ri.Ba. “al dopo incasso”, poichè consegnata al debitore dopo che la banca del creditore avrà  contabilizzato l’avvenuto pagamento. Alle banche intervenute nel rapporto sarà  riconosciuta una modesta commissione per il servizio svolto.

Una variante di rilievo interviene invece nel caso di Ri.Ba. “salvo buon fine”: in questo caso, infatti, la banca d’appoggio del venditore provvederà  ad accreditare immediatamente sul conto corrente dello stesso l’ammontare delle ricevute bancarie emesse, e sarà  risarcita quando il debitore avrà  a sua volta pagato.

In quest’ipotesi, la banca esegue a tutti gli effetti un finanziamento a favore del venditore, e infatti sarà  remunerata non solo con una commissione ma anche con gli interessi calcolati sulla somma anticipata e sull’arco temporale di distanza rispetto alla scadenza del debito.