Donne e lavoro, le indagini sulla parità dei sessi

di Fabiana Commenta

Donne e lavoro: esiste una parità dei sessi al lavoro? Il punto arriva in occasione della festa delle donne l’8 marzo  con le indagini condotte da Hays, dal titolo Donne e Lavoro e con la ricerca condotta dalla piattaforma online Spotahome prendendo in condirezione 33 città europee.

festa delle donne, lavoro

Insomma le cose sembrano essere migliorate, ma non così tanto: l’indagine Hays conferma una maggiore considerazione femminile all’interno delle aziende, ma senza le che donne possano occupare posti dirigenziali. 

La maggior parte delle donne intervistate (98%) considera l’Italia come paese poco adatto per fare carriera e il 53% sostiene di sentirsi svantaggiata rispetto ai colleghi maschi.

Il 70% delle donne sostiene le le posizioni dirigenziali nella loro azienda siano soprattutto maschili e solo il 33% dichiara di essere riuscita a diventare Manager o Director.

Punto dolente è lo stipendio: circa 50% delle donne sostiene di avvertire un gap salariale rispetto agli uomini.

Buone notizie almeno nella conciliazione di vita lavoro visto che il 70% sostiene di essere riuscita ad ottenere un buon equilibrio tra vita privata e lavorativa.

L’indagine condotta invece dalla piattaforma online Spotahome che ha preso in esame 33 città europee, relega alla 29esima e alla 30esima posizioni le città di Roma e di Milano considerate ben poco attente al concetto di termini di equality prendendo in considerazione sei principali fattori di uguaglianza, vale a dire parità di genere, differenze retributive tra uomini e donne, accettazione della comunità LGBTI, accoglienza nei confronti degli immigrati, la qualità della vita e diritti politici e libertà civili. Il nostro Paese si piazza al 18esimo posto rispetto ai primi posti occupati da Norvegia, Danimarca, Svezia.

 

photo credits | think stock

Rispondi