Home » Agenzia delle Entrate, i chiarimenti sui regimi fiscali agevolativi

Agenzia delle Entrate, i chiarimenti sui regimi fiscali agevolativi

Spread the love

Arrivano direttamente dall’Agenzia delle Entrate una serie di chiarimenti in merito ai regimi fiscali agevolativi previsti per i docenti, ricercatori e lavoratori impatriati: l’Agenzia nel dettaglio chiarisce che la mancata iscrizione all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE) non compromette comunque la possibilità  di accedere ai benefici IRPEF e IRAP come previsto dall’articolo 44 del Dl n. 78/2010.

 

 

ape, inps, pensioni, cessione del quintoLa detassazione prevista èpari al 90% del reddito prodotto a decorrere dall’anno di imposta in cui si rientra fiscalmente in Italia: detestazione che viene riservata solo ed esclusivamente a coloro che siano in possesso di un titolo di laurea e che abbiano svolto in modo continuativo un’attività  di lavoro dipendente, di lavoro autonomo o di impresa fuori dall’Italia negli ultimi 24 mesi.

Ovviamente il lavoratore rientrato in Italia potrà  usufruire della detassazione prevista pari al 90% solo sia sia in grado di dimostrare la sua effettiva residenza all’estero per i due anni di imposta precedenti come previsto dalla Convezione contro le doppie imposizione siglata tra l’Italia e il Paese estero in cui ha lavorato. Il chiarimento dell’Agenzia conferma che il lavoratore, purchè dimostri la propria residenza all’estero, potrà  usufruire dei benefici perdendo in considerazione i casi di diversi lavoratori residenti all’estero che pur avendo presentato domanda di iscrizione all’AIRE per tempo, ne sono risultati iscritti solo successivamente, ma non per loro responsabilità . Anche in questo sarà  quindi possibile applicare il regime agevolato per i lavoratori tornati in patria visto che i tempi  burocratici in cui viene espletata la procedura di iscrizione all’Aire non possono ricadere sulla responsabilità  del contribuente. 

 

ISCRITTI ALL’AIRE, SCATTANO I CONTROLLI

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK