Importo canone Rai 2012

di Stefania Russo Commenta

Tutti coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla recezione di programmi televisivi sono obbligati...

Tutti coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla recezione di programmi televisivi sono obbligati al pagamento del canone Rai mediante una delle diverse modalità di pagamento previste per effettuare tale versamento.

Gli importi dovuti per il canone Rai variano di anno in anno e sono indicati mediante apposito decreto emanato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

DISDETTA CANONE RAI PER DECESSO ABBONATO

Per il 2012, in particolare, coloro che sono chiamati al pagamento annuale del canone devono versare entro il 31 gennaio l’intero importo, fissato per il 2012 a 112 euro.

Per quanto riguarda i pagamenti semestrali, invece, il canone annuo deve essere versato in due distinte rate da 57,16 euro e che devono essere pagate rispettivamente entro il 31 gennaio e il 31 luglio 2012. Infine, per i pagamenti trimestrali devono essere pagate quattro rate da 29,76 euro rispettivamente entro il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre.

DOMANDA DI ESENZIONE CANONE RAI OVER 75

Gli importi sopra indicato sono comprensivi della tassa di concessione governativa e dell’imposta sul valore aggiunto pari al 4%, mentre è esclusa la tassa di versamento postale o le altre commissioni eventualmente dovute per le altre modalità di pagamento previste.

Il canone Rai, ricordiamo, è un’imposta sulla detenzione dell’apparecchio televisivo, ne deriva quindi che deve essere pagato indipendentemente dall’uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive. Qualora non si detenga più alcun apparecchio televisivo è possibile non pagare la tassa inviando apposita lettera di disdetta del canone Rai oppure, nel caso in cui si vogliano conservare gli apparecchi televisivi senza però utilizzarli, è possibile non pagare l’imposta inviando una lettera di disdetta del canone Rai con richiesta di suggellamento.

Rispondi