IMU e TASI 2018, i codici da utilizzare

di Fabiana Commenta

Ultima chiamata per il pagamento della seconda rata per il saldo IMU e TASI: la scadenza, inizialmente fissata per il 16 dicembre, è stata prorogata a lunedì 17 dicembre. Per stabilire l’importo della rata da pagare è necessario conoscere le aliquote imposte dal Comune e se il Comune non è intervenuto, sarà possibile pagare lo stesso importo della rata di giugno.

Se sono state introdotte invece nuove aliquote, sarà necessario calcolare il conguaglio procedendo al calcolo con uno dei programmi software disponibili in Rete. A quel punto sarà sufficiente inserire i dati del proprio immobile e conoscere esattamente l’importo dovuto.

Per regolarizzare il saldo della seconda rata di TASI e IMU 2017 è necessario effettuare il versamento del modello F24 utilizzando i codici tributo previsti. 

In alternativa ci sono i bollettini postali parzialmente precompilati cui dovranno essere aggiunti i dati del contribuente e dell’immobile previsto.

Ecco nel dettaglio i codici tributo IMU da utilizzare: 

3912 abitazione principale e relative pertinenze (destinatario il Comune)

3913 fabbricati rurali ad uso strumentale (destinatario il Comune)

3914 terreni (destinatario il Comune)

3916 aree fabbricabili (destinatario il Comune)

3918 altri fabbricati (destinatario il Comune)

3923 interessi da accertamento (destinatario il Comune) da utilizzare solo in caso di accertamenti

3924 sanzioni da accertamento (destinatario il Comune) da utilizzare solo in caso di accertamenti

3925 denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO”

3930 denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – 

E nel dettaglio i Codici tributo TASI

3958 per la TASI sull’ abitazione principale e relative pertinenze

3959 per la TASI sui fabbricati rurali ad uso strumentali

3960 per la TASI sulle aree fabbricabili

3961 per la TASI su tutti gli altri immobili

IMU E TASI, LA PIU’ CARA A ROMA

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>