IMU e TASI 2017, come pagare

di Emma Commenta

Nonostante sia saltato il tax day, resta immutata la data relativa al versamento di IMU e TASI: i tributi sugli immobili devono essere versati in due rate diverse, il 16 giugno e il 16 dicembre. Vediamo nel dettaglio chi paga i tributi immobiliari e quali sono le modalità di pagamento.

imu, lavoro, PROCIDA, NOZZE, SPIAGGIA

L’IMU: è il tributo dovuto per il possesso di qualsiasi immobile, terreno o area edificabile eccezion fatta per le abitazioni principali non di lusso, dei fabbricati rurali strumentali, ma anche dei terreni nei Comuni montani.

La TASI è il tributo dovuto per ogni tipo di immobile utilizzato, eccezion fatta per i terreni, le prime case non di lusso e tutte le relative pertinenze, anche per l’abitazione principale degli inquilini in affitto.

Il calcolo del tributo va effettuato sulla base alle aliquote deliberate nel comune dove risiede il bene soggetto a imposta con l’applicazione di una serie di regole o eventualmente agevolazioni locali.

L’acconto IMU e TASI  deve essere versato il 16 giugno, mentre il saldo andrà versato entro il 16 dicembre, eventualmente a conguaglio di quanto versato con la prima rata.

IMU, LA TOP TEN DEI CAPOLUOGHI DI PROVINCIA

Ma come pagare? Il pagamento può essere effettuato attraverso il modello F24, che dovrà essere presentato anche in caso di saldo nullo per effetto delle compensazioni. E per effettuare il versamento utilizzando il modello F24 cartaceo si ci può rivolgere a diversi canali, vale a dire, gli sportelli bancari pagando con contanti (fino 2.999 euro), assegni bancari o circolari, Pagobancomat (se presenti terminali abilitati).

È anche possibile pagare agli sportelli dell’Ufficio postale con contanti (fino 2.999 euro), assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali o tramite la carta Postamat o agli sportelli Equitalia, con contanti (fino 2.999 euro), assegni bancari e circolari, vaglia cambiari, Pagobancomat (se presenti terminali abilitati).

È anche possibile pagare per via telematica che diventa la modalità obbligatoria per i titolari di partita IVA) attraverso internet banking, attraverso i servizi online dell’Agenzia delle Entrate: F24 Web o F24 Online, tramite gli intermediari (Caf, professionisti o assciazioni) abilitati al servizio.

Per pagare con il bollettino va indicato il numero di conto corrente 1008857615, l’importo richiesto per il 2017, il codice relativo al comune, il numero di immobili per i quali si intende pagare la tassa e se il versamento corrisponde al saldo o all’acconto.

 

photo credits | thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>