legge di bilancio

Dl Fisco, il governo chiede la fiducia

Il Governo chiede la fiducia al maxi emendamento presentato al decreto fiscale e collegato alla manovra in Aula al Senato.

Il testo a questo punto diventa blindato e sembra accogliere le diverse variazioni di cui si era parlato nei giorni scorsi.

Decreti Governo Monti pagamento PA alle imprese

Ecco le novità  principali che fanno capolino nel decreto fiscale.

STOP BOLLETTE A 28 GIORNI: la fatturazione torna ad essere obbligatoriamente mensile per telefoni e pay-tv, eccezion fatta per le promozioni non rinnovabili o inferiori al mese. Gli operatori avranno 120 giorni di tempo per adeguarsi.

EQUO COMPENSO PER TUTTI: esteso a tutti i professionisti, anche se non appartenenti ad un ordine, il riconoscimento economico “proporzionato” al lavoro svolto.

A CASA DA SCUOLA ANCHE DA SOLI: i ragazzi di età  inferiore ai 14 anni con meno di 14 anni potranno tornare da soli da scuola, previa autorizzazione dei genitori che esonera gli istituti da ogni responsabilità  di sorveglianza.

Fiducia, Confesercenti: pesano timori su situazione Paese

Si fanno i conti con una stagione turistica che non èandata come ci si aspettava, con tante defaillance e tante partenze intelligenti (all’estero), dove si risparmia e si ottengono migliori e maggiori servizi rispetto all’Italia. Questo èil senso comune, lo steso che alimenta la paura per la situazione del Paese. 

impresa familiare, rischi impresa

Peggiora la fiducia delle imprese e migliora quella delle famiglie

Le famiglie italiane hanno fiducia nel futuro ma non si puಠdire lo stesso delle imprese che al contrario trovano poco lungimiranti le attuali strategie politiche. Ecco il riassunto sul clima tra famiglie e imprese, fatto dall’Ansa, per capire un po’ meglio la direzione economica del nostro paese. 

europa, web tax europea

La fiducia dei consumatori crolla anche nell’Eurozona a settembre 2014

Tempi duri per i cittadini del Vecchio Continente, che non credono pi๠nei miracoli della crescita, della ripresa e del consumo. E per questo comprano e spendono meno. L’inflazione, cosà¬, rimane su livelli prossimi allo zero e la produzione non decolla. La fiducia dei consumatori europei nel mese di settembre 2014 ècontinuata a calare anche nell’Eurozona.