Evasione fiscale fra i consulenti degli enti pubblici

La Guardia di Finanza ha avviato su base nazionale un’indagine che sta conducendo a risultati addirittura stupefacenti. Si tratta dell’enorme settore delle consulenze prestate nei confronti di enti pubblici (dello Stato o a livello territoriale): sono circa centomila i professionisti e gli altri lavoratori autonomi interessati dalla verifica.

Manovra 2010: tagli a ministeri, consulenti, auto blu

Nella manovra economica varata dal Governo, oltre alla tassa di soggiorno a Roma e la stretta sulla sanità , i tagli apportati alle spese pubbliche sono numerosi e corposi.

La scelta adottata dal ministro Tremonti èquella definita del “taglio lineare”: non si èvoluto, cioà¨, decidere cosa cancellare nel dettaglio, bensଠstabilire una profonda riduzione del budget a disposizione; a quel punto saranno gli enti interessati a decidere nel concreto quali voci di spesa eliminare o ridimensionare.

Settore delle certificazioni

certificato

Le certificazioni di qualità , affidate ad organismi indipendenti e basate sugli standard internazionali noti come “ISO”, sono normalmente volontarie: questo significa che sono le imprese stesse, liberamente, a decidere di affidarsi a soggetti competenti che suggeriscano le soluzioni per migliorare i punti deboli dell’organizzazione aziendale e per potenziarne i punti di forza, e che, infine, attestino il soddisfacimento degli standard di qualità .

Per le aziende tagli netti alle consulenze

Nelle imprese, soprattutto quelle di medie e grandi dimensioni, una voce significativa dei costi sostenuti ogni anno ècostituita dagli onorari riconosciuti ai consulenti: legali, fiscali, aziendali ecc.
Che si tratti di singoli professionisti oppure di società  (magari operanti a livello internazionale) non vi ègrande differenza, perchè si parla comunque di spese piuttosto salate.