Esterometro 2019, come effettuare l’invio  

di Fabiana Commenta

È fissata al 30 aprile la scadenza per la presentazione dell’Esterometro 2019 per l’invio dei dati delle fatture estere del primo trimestre, nei mesi di gennaio, febbraio e marzo. 

E dal mese di aprile in poi, l’invio dovrà essere invece mensile: l’esterometro, si ricorda, è relativo alla  comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute verso e da soggetti esteri non stabiliti nel territorio dello Stato. 

Il  riferimento disponibile per l’invio dell’esterometro, è dato dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018.

La scadenza è relativa a tutti i soggetti titolari di partita IVA che nel mese di gennaio, febbraio e marzo abbiano emesso o ricevuto fatture da o verso l’estero. 

Per le operazioni di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, gli operatori IVA non sono obbligati alla fatturazione elettronica, ma è previsto l’obbligo della trasmissione telematica della comunicazione dei dati delle fatture transfrontaliere.

I titolari di partita IVA dovranno trasmettere con l’esterometro una serie di informazioni: 

  • i dati identificativi del cedente/prestatore,
  • i dati identificativi del cessionario/committente,
  • la data del documento comprovante l’operazione,
  • la data di registrazione (per i soli documenti ricevuti e le relative note di variazione),
  • il numero del documento,
  • la base imponibile,
  • l’aliquota IVA applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Esonerati dall’esterometro, i titolari di partita IVA che effettuano operazioni con soggetti esteri, per le quali non è emessa fattura elettronica. 

Successivamente la trasmissione della comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere sarà a cadenza mensile e sarà fissata all’ultimo giorno del mese successivo a quello della data del documento emesso.

ESTEROMETRO, SEMPRE OBBLIGATORIO SECONDO L’AGENZIA

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>