Imprese italiane le più tassate in Europa

di Stefania Russo Commenta

Dallo studio intitolato "Paying taxes 2011", realizzato dalla Banca Mondiale e dalla società di consulenza PriceWaterhouseCoopers..

Dallo studio intitolato “Paying taxes 2011“, realizzato dalla Banca Mondiale e dalla società di consulenza PriceWaterhouseCoopers, è emerso che le aziende italiane occupano una delle posizioni peggiori in termini di carico fiscale.

In Italia, infatti, le aziende sono gravate da un peso fiscale pari al 68,6%, contro una media europea del 44,2% e una media mondiale del 47,8%. Una situazione che relega l’Italia in uno dei posti più bassi della classifica, il 167° sui 183 totali. Se si considera solo il Vecchio Continente è evidente che l’Italia occupa la posizione peggiore, seguita dalla Francia con un carico fiscale del 65,8%.


Decisamente più leggero, invece, il peso fiscale di Spagna e Germania, rispettivamente del 56,5% e 48,2%, anche se dal punto di vista fiscale il primato europeo spetta al Lussemburgo che vanta a carico delle sue imprese un peso fiscale pari solo al 21,1%.

Esaminando con maggiore attenzione la situazione italiana emerge che a pesare di più sono i tributi legati al lavoro, che da soli coprono ben il 43,1% dell’intero carico. A questi, inoltre, bisogna aggiungere gli ostacoli legati alla burocrazia: in Italia, infatti, un’azienda spende in media circa 285 ore l’anno per adempiere ai propri obblighi fiscali, superando di 60 ore la media europea.

I risultati della ricerca sono stati commentati da Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre, secondo cui con un simile carico fiscale e con una burocrazia del genere essere imprenditori in Italia significa compiere un’impresa eroica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>