Trasferimento del dipendente per volontà datore di lavoro

di Fabrizio Martini Commenta

In ambito lavorativo, il datore può decidere di sua iniziativa di destinare i propri dipendenti ad altri stabilimenti produttivi. Questo significa che il datore di lavoro può assumere la decisione di trasferire un proprio dipendente o più dipendenti presso altri stabilimenti, comparti o settori della propria azienda.

In ambito lavorativo, il datore può decidere di sua iniziativa di destinare i propri dipendenti ad altri stabilimenti produttivi. Questo significa che il datore di lavoro può assumere la decisione di trasferire un proprio dipendente o più dipendenti presso altri stabilimenti, comparti o settori della propria azienda.

La legge stabilisce che tale decisione possa essere presa esclusivamente in determinati casi, ovvero deve verificarsi una situazione che comprovi delle ragioni tecniche; le norme stesso richiedono infatti esplicitamente la presenza di comprovate ragioni tecniche organizzative o produttive. La norma in questione è l’articolo 2103 del Codice Civile. I casi di applicazione sono ad esempio tutte le situazioni in cui il datore di lavoro riesca a dimostrare con determinate prove:

  • inutilità del suo impiego in quella determinata sede
  • necessità della sua specifica professionalità nella sede di destinazione

Questo significa che il datore potrà assumere la decisione di trasferire un proprio dipendente solo ed esclusivamente se riesce a dimostrare le situazioni di cui sopra. Se l’azienda infatti non formalizza in maniera esplicita e dettagliata i motivi del trasferimento e quindi comunica una serie di motivazioni generiche, il lavoratore può richiedere in via ufficiale, espressa e per iscritto l’opposizione al trasferimento.

Ovviamente esistono anche delle contromisure che il datore di lavoro può adottare in questi casi, infatti la legge fa ben intendere che se il datore si rifiuta di fornire adeguate giustificazioni non potrà licenziare il proprio dipendente nel caso in cui questi si opponga al cambio di sede.

Anche il lavoratore però può effettuare una richiesta di trasferimento presso un’altro stabilimento o ufficio dell’azienda, però deve ricordarsi che seppure possa farlo in qualsiasi momento, non potrà vantare alcun  diritto all’accoglimento della propria domanda. Il datore potrà quindi accettare, anche per un tempo definito, oppure potrà anche rifiutare, senza dover fornire alcuna spiegazione. Tale obbligo non è previsto né per voce, né per iscritto.

Foto | Sean Gallup/Getty Images News/Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>