Richiesta Inps indennità riposo giornaliero padre

di Fabrizio Martini Commenta

Il padre lavoratore dipendente ha la facoltà di richiedere all'Inps, presentando l'apposita domanda, l'indennità per i riposi giornalieri.

Il padre lavoratore dipendente ha la facoltà di richiedere all’Inps, presentando l’apposita domanda, l’indennità per i riposi giornalieri. Il modulo, opportunamente compilato in tutte le sue parti, deve essere presentato alla sede dell’Inps territorialmente competente. La stessa richiesta può essere inoltrata all’Inps attraverso l’assistenza di un patronato oppure può essere direttamente inviata agli uffici Inps per mezzo di posta raccomandata con ricevuta di ritorno.

L’indennità di riposo giornaliero per il padre lavoratore dipendente viene anticipata dal datore di lavoro in busta paga. Esistono dei casi di eccezione, ovvero una serie di situazione particolari stabilite dalla legge, in cui la stessa quota viene corrisposta direttamente dall’Inps.

In particolare ci si riferisce alle seguente casistiche:

  • operai agricoli
  • lavoratori stagionali a termine
  • lavoratori dello spettacolo a tempo determinato

Questa indennità spetta a tutti i padri lavoratori dipendenti, che siano titolari di uno o più rapporti di lavoro in corso. Vengono esclusi dal ricevimento dell’indennità riposi giornalieri coloro che sono lavoratori a domicilio, lavoratori domestici, come colf e badanti, i parasubordinati, i lavoratori autonomi e liberi professionisti.

L’indennità per i riposi giornalieri può essere richiesta da parte dei padri solo in alcuni casi, ovvero nella situazione in cui:

  • la madre, lavoratrice dipendente, ha rinunciato ai riposi
  • la madre è lavoratrice che non ha diritto ai riposi, perché lavoratrice parasubordinata, autonoma, libera professionista, a domicilio, domestica o casalinga
  • la madre è morta o è gravemente inferma
  • la madre ha abbandonato il figlio
  • il figlio è affidato solo al padre

Al padre che ne fa richiesta spetta di diritto un complessivo di due ore di riposo giornaliere nel caso in cui l’orario contrattuale di lavoro è pari o superiore alle 6 ore giornaliere.

Nel caso in cui l’orario di lavoro giornaliero sia inferiore alle 6 ore spetta spetta un’ora di riposo. Da notare che nel caso in cui ci si trovi nella situazione di un parto gemellare o in caso di adozione o affidamento di più soggetti minori, le ore di riposo vengono raddoppiate.

>>> Download domanda riposi giornalieri padre lavoratore dipendente

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>