Bonus bebè e lo stop dal 2019, la rettifica del Ministro Fontana

di Fabiana Commenta

No, sì, forse: sembra che a partire dal prossimo anno, dal 2019, arriverà lo stop al bonus bebè o assegno di natalità. 

Si tratta della norma che prevede un assegno di natalità a sostegno dei figli nati o adottati nel 2018: il bonus in sostanza scompare visto che non appare nella legge di Bilancio per il 2019. 

congedo, paternità, bonus mamma

Il sostegno alla nascita dei figli, 960 euro che venivano erogati mensilmente in base all’Isee era al momento previsto senza proroga o senza rinnovo per i nati da gennaio in poi: la misura era stata rinnovata solo per l’anno 2018 dopo essere stata introdotta con la manovra nel 2015. 

Adesso, a ridosso della notizia, arriva anche il commento del Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana che ha chiarito quando precedentemente trapelato. 

 

Sul cosiddetto bonus bebè è in predisposizione un emendamento governativo. Il precedente governo l’aveva prevista come misura a termine, destinata a cessare alla fine di quest’anno. La misura ha richiesto una più attenta verifica sulla sua operatività ed efficacia, all’esito della quale si è deciso di presentare, sin dalla Camera, un emendamento governativo che miri a tenere conto, e a superare, talune inefficienze che erano emerse nella precedente versione. 

Ha commentato il Ministro. All’inizio il bonus bebè o assegno di natalità,  introdotto nel 2015, prevedeva un sostegno per i primi 3 anni di vita dei bebè che erano nati fra il primo gennaio 2015 e il 31 gennaio 2017, anche se l’ultima manovra aveva ridotto il sostegno rinnovandolo per i nati del 2018 e per il primo anno di vita. Insomma sembra proprio che il bonus bebè non sarà rinnovato per il prossimo anno, ma a smentire la notizia trapelata ieri.

LEGGE DI BILANCIO 2018, LE ANTICIPAZIONI

photo credits | think stock 

Rispondi