Ecobonus, i chiarimenti di ENEA

di Fabiana Commenta

Erano fra gli incentivi più attesi della Legge di Bilancio 2018, ma fino a questo momento non si era capito con esattezza le modalità per ricevere le agevolazioni per l’efficienza energetica, in pratica per usufruire dellEcobonus. I chiarimenti però arrivano direttamente da ENEA che ha pubblicato sul proprio sito le modalità di deduzione e le detrazioni fiscali previste almeno in attesa delle pubblicazione del decreto tecnico.

L’ENEA conferma che la detrazione passa dal 65% al 50% per gli interventi eseguiti dal 2018 relativi a:

finestre comprensive di infissi;

schermature solari;

sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Scende invece al 50% la detrazione fiscale che spetta per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione, del 18 febbraio 2013.

Nel momento in cui l’installazione della caldaia a condensazione sia effettuata con sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02, o impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, la detrazione che spetta sarà pari al 65% delle spese sostenute.

Confermate poi le detrazioni fiscali al 65% che spettano per

interventi di coibentazione dell’involucro opaco;

pompe di calore;

sistemi di building automation;

collettori solari per produzione di acqua calda;

scaldacqua a pompa di calore;

generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro.

Confermate al 70% e al 75% tutte le aliquote di detrazione per gli interventi di tipo condominiale, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 con un limite di spesa di 40.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari. E nel caso di interventi di efficientamento energetico su edifici appartenenti alle zone sismiche 1, 2 o 3, se finalizzati anche alla riduzione del rischio sismico la detrazione sale all’80%, o all’85% se è dimostrabile una riduzione di 2 o più classi di rischio sismico. La spesa massima passa a 136.000 euro, moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>