Uber Taxi arriva a Torino, come funziona il servizio via App

di Fabiana Commenta

Uber Taxi sbarca a Torino nella sua nuova versione del servizio taxi da prenotare via App: Torino è la sesta città europea (dopo Berlino, Dusseldorf, Atene, Dublino e Istanbul) selezionata dal servizio per poter prenotare comodamente con una app il proprio taxi.  Uber sceglie Torino per lanciare in Italia il nuovo servizio taxi da prenotare via App. E’ la sesta città in Europa – il servizio è già disponibile a Berlino, Dusseldorf, Atene, Dublino e Istanbul – e la prima città italiana in cui viene attivato Uber Taxi dopo che Uber Black, Lux e Van sono già disponibili a Roma e Milano. 

Il capoluogo piemontese è stato scelto visto che sono oltre 350.000 persone che, stando ai dati della società, hanno provato a prenotare un viaggio tramite la app da quando Uber se ne è andata dalla città. 

Adesso la società rilascia per diventare una piattaforma in grado di offrire diverse soluzioni per il trasporto, includendo non solo le auto con il conducente professionista, ma anche taxi, bici, monopattini elettrici. 

Uber Taxi rappresenta un modo concreto per i tassisti di poter incrementare i propri ricavi, riducendo i tempi morti di attesa fra una corsa e l’altra. I tassisti in pratica potranno accedere alla tecnologia di Uber che consente di ridurre i tempi tra una corsa e l’altra e usufruire del programma di assicurazione Partner Protection siglato con AXA che offre la copertura in caso di malattia o infortunio. 

I tassisti potranno aderire gratuitamente a Uber Taxi  verseranno versranno una quota pari al 7% del costo di ogni corsa come service fee.

Il progetto è stato lanciato alcune settimane fa nel corso delle quali i tassisti sono stati affiancati, ma da adesso sarà resa operativa anche l’opzione anche un’opzione che consente ai passeggeri di lasciare una mancia. 

I passeggeri avranno a disposizione tutte le funzionalità caratteristiche di Uber: si potranno ricevere informazioni sull’autista, dividere il costo della corsa, visualizzare il percorso del proprio spostamento e mettersi in contatto con via telefono o via chat con i tassisti mantenendo il proprio numero privato grazie al servizio di anonimizzazione. 

Rispondi