Camera, no al taglio dell’Iva sugli assorbenti 

di Fabiana Commenta

No al taglio dell’Iva sugli assorbenti: arriva il no da parte della Camera che esclude  decisamente la riduzione dell’Iva dal 22, al 10 o al 5% per una serie di prodotti igienici femminili. 

Il motivo? Il taglio sarebbe fin troppo costoso e non ci sono le coperture necessarie  che sarebbero pari a 300 milioni di euro. 

Sia il Governo sia la maggioranza hanno respinto con questa motivazione un emendamento del Pd al decreto sulla Semplificazione Fiscale in discussione alla Camera per poter ottenere la riduzione dell’Iva sugli assorbenti e pannolini per le donne. 

Le coperture per la Tampon tax, questo il nome dell’emendamento sarebbero state pari a 300 milioni di euro come riportato dal presidente della commissione Bilancio Carla Ruocco (M5S) riferendo i calcoli della Ragioneria dello Stato. Una cifra fin troppo alta che il Governo non può permettersi. In autunno, in sede di discussione di Legge di Bilancio, lo stop era arrivato dalla vice ministra Laura Castelli, secondo cui il taglio dell’Iva non sarebbe stato possibile a causa del rischio di sanzione da parte dell’Europa. Ma si trattava di un’ipotesi escluso dalla Commissione europea che avevo anche spiegato alla trasmissione Report che non c’era alcun ostacolo concreto in sede comunitaria che impedisse ll’abbassamento dell’Iva e che nessun Paese fosse stato sanzionato per questo motivo. Il problema è che in Italia mancano le coperture. 

La situazione italiana è totalmente diversa rispetto a quella europea: negli altri paesi europei l’Iva sugli assorbenti è molto più bassa. 

Francia ha portato l’imposta dal 20% al 5.5%, l’Olanda al 6%, in Inghilterra è stata ridotta dal 17,5% al 5,5%, in Belgio la diminuzione è passata dal 21% al 6% e in Irlanda è stata addirittura del tutto abolita. 

AUMENTO IVA, 1200 EURO IN PIU’ SECONDO IL CODACONS 

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>