Interessi di mora in aumento da maggio 2013

di Stefania Russo Commenta

Attraverso un apposito provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate, emesso ai sensi e per gli effetti dell'articolo 30 del dpr n.602/1973...

Attraverso un apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, emesso ai sensi e per gli effetti dell’articolo 30 del dpr n.602/1973, gli interessi di mora dopo ben tre anni sono tornati a salire.

In particolare, a partire dal 1° maggio 2013 gli interessi di mora a carico dei contribuenti che ritardano il pagamento delle somme iscritte a ruolo sono saliti al 5,2233%, contro il 4,5504% applicato fino al 30 aprile scorso sulla base del provvedimento direttoriale del 17 luglio 2012.


Per la determinazione degli interessi di mora, l’articolo 30 del dpr 602/73 prevede l’esplicito riferimento alla media dei tassi attivi bancari, pertanto la modifica apportata tramite il suddetto provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate deriva dalla nota emessa lo scorso 8 febbraio dalla Banca d’Italia, che ha stimato proprio nella nuova misura del 5,2233% la media dei tassi bancari attivi con riferimento all’intero anno 2012.

Gli interessi di mora, ricordiamo, si applicano una volta trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento e fino al giorno dell’effettivo pagamento. La base di calcolo degli interessi di mora è costituita dalle somme iscritte a ruolo, con esclusione delle somme dovute a titolo di sanzioni pecuniarie tributarie e degli interessi.

Al riguardo è bene ricordare anche che il ritardo nel pagamento delle somme iscritte nei ruoli, se non contenuto entro brevi lassi temporali o sistemato attraverso il ricorso alla rateazione, espone il debitore anche alle azioni cautelari ed esecutive ad opera del concessionario della riscossione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>