Posta Elettronica Certificata diventa un obbligo

di Giuseppe Commenta

È stabilito, infatti, che tutte le nuove società, di qualsiasi forma, che vorranno iscriversi al Registro delle Imprese..

Una recente innovazione è destinata a mutare profondamente i rapporti fra gli operatori economici e le istituzioni pubbliche.

È stabilito, infatti, che tutte le nuove società, di qualsiasi forma, che vorranno iscriversi al Registro delle Imprese dovranno indicare il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) già nel modulo di iscrizione, mentre le società già esistenti dovranno istituire tale casella mail e comunicarla alla Camera di Commercio entro il novembre 2011.


Discorso del tutto simile anche per i lavoratori autonomi iscritti ad un albo professionale, che dovranno effettuare tale comunicazione nei confronti del proprio ordine di riferimento; per i “vecchi” professionisti, il termine per adeguarsi scende però da tre ad un anno.

Ma cos’è la P.E.C.? Come noto, già oggi molte comunicazioni fra le istituzioni della Pubblica Amministrazione e i cittadini avviene per canali telematici. Esiste però sempre il rischio che il destinatario o il mittente di un messaggio non sia chi dice di essere, e questo rende tale canale una soluzione insicura rispetto a forme di comunicazione più tradizionali come la posta raccomandata.

Ma in futuro le cose cambieranno. L’indirizzo P.E.C. è una casella mail in cui si ha l’assoluta certezza del titolare, perché per istituirla occorre una sua identificazione formale; in genere, per creare la casella P.E.C. egli deve presentarsi presso il gestore del servizio con un valido documento d’identità.


Le comunicazioni via P.E.C. presentano un adeguato grado di sicurezza e saranno destinate a sostituire progressivamente quelle in forma postale, con un enorme risparmio di costi per la Pubblica Amministrazione (e di carta per l’ambiente).

Si attendono i dettagli tecnici su come avviare la rivoluzione: presumibilmente, saranno le stesse Camere di Commercio e gli ordini professionali a predisporre e gestire il servizio a favore dei propri iscritti.

Rispondi