Modello richiesta intervento Fondo di Garanzia TFR

di Stefania Russo Commenta

Nel caso in cui il lavoratore a seguito della cessazione del rapporto di lavoro non abbia ricevuto il TFR a lui...

Nel caso in cui il lavoratore a seguito della cessazione del rapporto di lavoro non abbia ricevuto il TFR a lui spettate a causa dell’insolvenza del datore di lavoro, può chiedere che la somma spettante a titolo di trattamento di fine rapporto gli venga elargita dal Fondo di Garanzia, appositamente istituito per garantire che il lavoratore riceva il TFR maturato anche nel caso in cui il datore di lavoro non sia nelle condizioni di corrispondere il pagamento della somma dovuta.

TRF IN CASO DI INSOLVENZA DEL DATORE DI LAVORO

Per poter chiedere l’intervento del Fondo è necessario che l’azienda abbia avviato una procedura concorsuale, che il rapporto di lavoro sia cessato, ossia che il lavoratore abbia ricevuto apposita lettera di licenziamento oppure abbia inviato al datore di lavoro una lettera di dimissioni, e che il lavoratore vanti un credito nei confronti dell’azienda a fronte del mancato pagamento del TFR.

QUANDO DEVE ESSERE PAGATO IL TFR

Il Fondo di Garanzia interviene anche per altri tipi di credito diversi dal TFR vantanti dal lavoratore nei confronti dell’azienda e inerenti agli ultimi tre mesi del rapporto di lavoro.

Possono chiedere l’intervento del Fondo tutti i lavoratori dipendenti da datori di lavoro tenuti al versamento all’Inps del contributo che alimenta la Gestione, gli apprendisti, i dirigenti di aziende industriali e i soci delle cooperative di lavoro.

Per poter chiedere l’intervento è necessario compilare apposito modulo di domanda (scaricabile in fondo al post) e consegnarlo alla sede Inps territorialmente competente.

Download modulo richiesta intervento Fondo di Garanzia

Rispondi