Cartella di pagamento: cosa fare (I)

di Giuseppe Aymerich Commenta

Da alcuni anni il sistema della riscossione dei tributi erariali è stato sottratto all’appalto dei concessionari (solitamente gruppi bancari) ed è tornato in mano pubblica..

logo di equitalia spa

Da alcuni anni il sistema della riscossione dei tributi erariali è stato sottratto all’appalto dei concessionari (solitamente gruppi bancari) ed è tornato in mano pubblica, e precisamente alla società Equitalia, diretta emanazione del Ministero delle Finanze.

Oltre ai tributi “nazionali”, Equitalia ha stipulato convenzioni con moltissimi altri soggetti, dagli enti previdenziali a Regioni e Comuni, per la riscossione di imposte e contributi propri di questi enti, affinando sempre più le proprie tecniche anche grazie all’ausilio dei sempre maggiori poteri di riscossione coattiva riconosciuti dal legislatore.


Ma cosa può fare il contribuente quando finisce nel mirino di Equitalia? Le ipotesi sono diverse e complesse.
Il punto di partenza è la notificazione della cartella di pagamento: è questo un atto amministrativo nel quale si indica al contribuente quali importi gli è chiesto di versare entro sessanta giorni, fra debiti d’imposta, sanzioni, interessi e diritti amministrativi vari.


Normalmente, ma non sempre, la cartella di pagamento è preceduta nei mesi precedenti da un avviso bonario, i cui meccanismi in genere consentono di risolvere facilmente il problema. Ma se esso resta in piedi (per esempio perché il contribuente si è rifiutato di pagare) l’arrivo della cartella di pagamento è inevitabile.
È da notare che la somma richiesta nella cartella è già iscritta a ruolo: il ruolo altro non è che un elenco dei contribuenti con pendenze fiscali, predisposto periodicamente dall’Agenzia delle Entrate (o altro ente impositore) e consegnato ad Equitalia perché provveda a riscuotere quanto dovuto tramite l’invio della cartella di pagamento.

Il ruolo ha efficacia esecutiva. Esso, cioè, ha lo stesso valore riconosciuto ad una sentenza del tribunale, perciò se il contribuente non paga quanto richiesto non ci sono altri passaggi successivi: Equitalia ha il potere di riscuotere la somma con tutti i mezzi a disposizione.

Rispondi