Finanziamenti Ue Programma per la competitività 

Per la crescita e per il sostegno alla competitività  delle piccole e medie imprese nel Vecchio Continente, anche l’Unione Europea èscesa in campo con un pacchetto finanziario pari a ben 2,5 miliardi di euro. A proporlo in particolare èstata la Commissione europea con l’obiettivo sia di favorire l’accesso al credito da parte delle PMI, sia di promuovere su tutto il territorio europeo una maggiore cultura d’impresa.

La proposta della Commissione Europea, nello specifico, rientra nel cosiddetto “‘Programma per la competitività ” delle imprese, un nuovo pacchetto di misure a valere per il periodo dal 2014 al 2020 che andrà  a sostituire il Programma esistente, quello per l’innovazione e per la competitività , il cosiddetto Cip.

Finanziamenti agevolati PMI Fondo Jeremie

Finanziamenti per complessivi 156 milioni di euro a fronte di scadenze e tassi di interesse applicati che risultano essere particolarmente favorevoli. Tutto cià², in particolare, attraverso il cosiddetto Programma Jeremie, che sta per Joint European Resources for Micro to Medium Enterprises, e che èstato affidato dalla FEI, appartenente al gruppo della BEI, la Banca Europea per gli Investimenti, per le piccole e medie imprese della Regione Campania, alla joint venture UniCredit-MCC.

Grazie al Programma Jeremie ogni impresa puಠrichiedere finanziamenti agevolati fino ad un massimo di 500 mila euro a fronte di un piano di ammortamento che puಠdurare fino a ben otto anni.

Settore elettronico e audio-video in picchiata

I dati di sintesi sul 2008 offerti all’interno del convegno dell’AIRES (Associazione Italiana Retailer Elettrodomestici) sono davvero sconfortanti. Nemmeno i consumi natalizi sono riusciti a raddrizzare le sorti di un’annata nera in un ambito che sembrava destinato ad una crescita senza limiti legata di pari passo allo sviluppo tecnologico.

Quella dei numeri èuna logica fredda e impersonale, ma spiega meglio di tante parole la pesantissima crisi che il mondo dei consumi ha subito e continuerà  a subire nel prossimo futuro.
I negozi specializzati in computer e accessori, in televisori, in elettrodomestici e in telefonia segnano per l’anno appena trascorso un fatturato complessivo pari a circa 16 miliardi di euro, pari all’1,8% in meno rispetto al 2007.