Requisiti reversibilità pensione Inps

di GianniPug Commenta

La pensione di reversibilità rappresenta una prestazione economica che viene erogata ai familiari di pensionati o di lavoratori e viene anche chiamata pensione dei superstiti.

Possibilità di prepensionamento in caso di doppio lavoro

La pensione di reversibilità rappresenta una prestazione economica che viene erogata ai familiari di pensionati o di lavoratori e viene anche chiamata pensione dei superstiti. Come ogni altro diritto, la pensione di reversibilità o pensione ai superstiti deve essere erogata a particolari soggetti che sono in possesso di specifici requisiti previsti dalla legge.

Le stesse norme prevedono una serie di condizioni che devono essere rispettate per poter accedere alla pensione di reversibilità.

La pensione dei superstiti vien erogata esclusivamente previa presentazione della domanda e spetta ai familiari di:

  • pensionati che godono della suddetta pensione di reversibilità
  • lavoratori, che godono della cosiddetta pensione indiretta

La legge prevede che i soggetti che possono accedere al diritto della pensione di reversibilità sono:

  • il coniuge superstite, anche se separato: se il coniuge superstite è separato con addebito, la pensione ai superstiti spetta a condizione che gli sia stato riconosciuto dal Tribunale il diritto agli alimenti;
  • il coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile;
  • i figli (legittimi o legittimati, adottivi o affiliati, naturali, riconosciuti legalmente o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell’altro coniuge) che alla data della morte del genitore siano minorenni, inabili, studenti o universitari e a carico alla data di morte del medesimo;
  • i nipoti minori (equiparati ai figli) se a totale carico degli ascendenti (nonno o nonna) alla data di morte dei medesimi.

Qualora non siano presenti coniuge, figli e nipoti la pensione di reversibilità può essere attribuita ai genitori d’età non inferiore a 65 anni, che non sono titolari di pensione e che alla data di morte del lavoratore o del pensionato siano a carico dello stesso.

Nel caso in cui manchino coniuge, figli, nipoti e genitori, la pensione di reversibilità può essere attribuita ai fratelli celibi inabili e sorelle nubili inabili, che non sono titolari di pensione e che alla data di morte del lavoratore oppure del pensionato siano a carico del medesimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>