PostePay INPS Card, come funziona la prepagata

di Fabiana Commenta

Il nome, PostePay INPS Card, indica già le modalità di uso e le specificità della carta: si tratta in effetti di una carta prepagata che nasce dalla collaborazione tra Poste Italiane e INPS e che a differenza della tradizionale PostePay offre un servizio totalmente gratuito per l’accredito della pensione, ma anche per altre diverse tipologie di prestazioni, inclusi i voucher PrestO, i voucher lavoro telematici. 

inps naspi

La carta nasce all’inizio per consentire ai pensionati di utilizzare più facilmente la pensione che sarebbe stata accreditata direttamente sulla carta ricaricabile senza dover effettuare altri versamenti o prelevare contanti all’inizio del mese. 

Da qualche tempo a questa parte però la PostePay INPS Card può essere utilizzata per poter accreditare anche lo stipendio di lavoratori occasionali retribuiti con i voucher PrestO, i buoni lavoro per prestazioni occasionali. 

Anche in questo caso di evita il movimento di contante visto che la PostePay INPS Card 2018 può essere utilizzata nei negozi o per effettuare pagamenti online.

Sarà anche possibile, come avviene per tutte le altre carte prepagate, ritirare quanto è stato accreditato recandosi in uno sportello automatico Postamat e del circuito Cirrus e Maestro: il ritiro è del tutto gratuito in questo caso mentre se invece il prelievo viene effettuato tramite uno sportello bancario di altri circuiti in Italia, è necessario sostenere anche il costo della commissione che ammonta a 1,75 euro a prelievo. Più elevato il costo per il prelievo di contante da ATM bancari all’estero che sarà pari a 2,58 euro.

Richiedere la PostePay INPS Card 2018 è semplicissimo: è sufficiente recarsi presso un qualsiasi ufficio postale chiedendo contestualmente l’attivazione della carta prepagata che verrà spedita direttamente a casa.  A quel punto si riceverà anche un documento di registrazione tramite il quale potranno essere ritirati i soldi della pensione e senza dover necessariamente presentare ogni volta allo sportello la PostePay INPS Card. Il documento di registrazione è valido per effettuare non più di 40operazioni e dopo dovrà essere rinnovato, pena il blocco della carta. A casa verrà anche recapitato il PIN della carta e con la carta e il PIN sarà necessario recarsi allo sportello dell’ufficio postale per l’attivazione della carta. 

QUATTORDICESIMA PENSIONE, COME PRESENTARE LA DOMANDA

photo credits |

Rispondi