by GianniPug Commenta

Solo in caso di licenziamento per giusta causa il datore di lavoro non è obbligato a concedere il periodo di preavviso al dipendente licenziato..

Solo in caso di licenziamento per giusta causa il datore di lavoro non è obbligato a concedere il periodo di preavviso al dipendente licenziato, per tutte le altre ipotesi di licenziamento è obbligato a fornire un periodo di preavviso o, in alternativa, a corrispondere al dipendente l’indennità di mancato preavviso, ossia una somma di denaro pari a quella che gli sarebbe spettata se avesse lavorato nel periodo di preavviso previsto dalla legge o dal contratto.

Di seguito proponiamo un esempio di lettera di licenziamento con preavviso in cui viene anche inclusa la parte in cui il lavoratore indica i motivi che hanno causato la risoluzione del rapporto di lavoro.


Quest’ultima, tuttavia, non è indispensabile. Il datore di lavoro, infatti, non è tenuto a comunicare le motivazioni del licenziamento nella lettera, tuttavia è obbligato a fornirle entro 7 giorni qualora il lavoratore ne faccia richiesta.


FAC SIMILE LETTERA DI LICENZIAMENTO CON PREAVVISO

Nome azienda

Via

Cap Città

Spett. …

Via

Cap Città

Oggetto: notifica di licenziamento

Gentile Sig./Sig.ra …,
con la presente le comunichiamo che abbiamo deciso di procedere al suo licenziamento. In ottemperanza a quanto stabilito dalla legge e dal CCNL le verrà concesso un periodo di preavviso di … giorni/mesi a decorrere dal … al …

La decisione è stata presa per la seguente motivazione …

Nel ringraziarla per la collaborazione la invitiamo a prendere contatto con l’ufficio personale per il ritiro delle sue spettanze.

Distinti saluti

Luogo e data

Firma