Tutti gli emendamenti del Jobs Act – Prima parte

di Alba D'Alberto Commenta

Sul tanto discusso articolo 18 si è poi trovata un intesa in merito ai licenziamenti da disciplinare. L'articolo sarà riformato solo attraverso decreto e non sarà previsto il reintegro nei licenziamenti economici senza giusta causa. Varrà invece per quelli discriminatori e disciplinari.

Il testo del Jobs Act, proposta di punta del governo Renzi per riformare il mondo del lavoro, è stato rivisto negli ultimi giorni e ora si presenta come un testo parzialmente riscritto da una serie di emendamenti. Diversi sono stati gli interventi, che sono andati a modificare le principali tematiche di discussione. Ecco quali sono. 

Sul tanto discusso articolo 18 si è poi trovata un intesa in merito ai licenziamenti da disciplinare. L’articolo sarà riformato solo attraverso decreto e non sarà previsto il reintegro nei licenziamenti economici senza giusta causa. Varrà invece per quelli discriminatori e disciplinari.

L’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori è previsto anche in Germania

Sulla contrattualistica la forma principale di contratto utilizzata sarà quella a tempo indeterminato, che è anche attualmente la forma contrattualistica più usata in Europa. Saranno previsti sgravi contributivi per le imprese che assumono. Non saranno invece stipulati più contratti a progetto, i contratti di collaborazione. I lavori potranno essere solo di tipo subordinato o autonomo.

L’articolo 18 interessa oltre il 57 per cento dei lavoratori italiani

Per quanto riguarda invece le nuove tipologie contrattuali, verrà introdotto il contratto a tutele crescenti di cui si è parlato nei giorni scorsi. Con tutele che crescono in base all’anzianità di servizio. I destinatari di questo contratto saranno i nuovi assunti.

Nel Jobs Act ci saranno anche norme di riforma per gli ammortizzatori sociali. Interessati in primo luogo la cassa integrazione e l’applicazione della CIG, che ad esempio non ci sarà più per coloro che cessano una attività come accadeva in passato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>