Franchising: un’opportunità da cogliere al volo

di La Redazione Commenta

Negli ultimi anni la possibilità di aprire un’attività in franchising ha attirato moltissimi italiani che, nella maggior parte dei casi, hanno potuto ottenere ottimi successi. Aprire un franchising è per molti versi più semplice rispetto ad un’attività commerciale o di servizi totalmente in proprio. Affiliandosi ad un grande marchio infatti si ottengono diversi interessanti bonus, che possono aumentare in modo incredibile le possibilità di successo. L’importante però sta nello scegliere il giusto franchisor, in modo che l’affiliazione abbia per noi solo connotazioni negative.

Grandi marchi o franchisor alle prime armi
Il mondo del franchising è veramente molto variegato; per chi non sa cosa aprire in franchising la scelta è decisamente ardua. Per meglio comprendere pregi e difetti dei franchisor è opportuno suddividerli in diversi gruppi. Una delle suddivisioni che si possono fare è quella tra le aziende più famose e i franchisor dell’ultima ora. Si tratta in genere di due proposte veramente diverse, la cui scelta dipende anche dal nostro spirito imprenditoriale. I grandi marchi danno certamente maggiori certezze in fatto di pubblicità e vendite; se invece si sceglie un franchising che conta ancora pochissimi affiliati il marchio può non darci così tante garanzie. Certo è però che in genere i grandi marchi in franchising richiedono importanti investimenti iniziali, pagamenti di royalties sugli utili, canoni di abbonamento per i servizi ottenuti. Nel caso invece delle aziende più piccole spesso si può entrare a far parte di una famiglia più piccola, che può portare comunque diverse opportunità di vendita, senza richiedere investimenti eccessivi.

La categoria commerciale
Il franchising oggi è presente praticamente in tutti i settori commerciali, sia per quanto riguarda i servizi alla persona, sia per quanto riguarda la distribuzione di beni i consumo. Ogni nuovo imprenditore come prima domanda riguardo al suo futuro dovrebbe porsi la questione di cosa effettivamente desidera vendere. Alcuni settori merceologici infatti necessitano di una sorta di vocazione interiore per poter essere sviluppati in modo adeguato, si pensi ad esempio all’insegnamento, alla cura degli anziani, a tutte le professioni correlate con la salute e il benessere. La vendita di beni di consumo è invece aperta praticamente a chiu8nque, anche se si possono trovare particolari settori che più ci interessano rispetto ad altri. Se ad esempio non amiamo viaggiare e spostarci, aprire un’agenzia di viaggi in franchising può non essere la scelta migliore.

I trend del mercato
Oltre alle proprie propensioni ed ai gusti personali chi desidera aprire un’attività in franchising dovrebbe anche valutare quali siano i trend del mercato. Alcuni periodi infatti sono più adatti ad aprire particolari attività rispetto ad altre. Inizialmente le attività in franchising che andavano per la maggiore erano quelle che trattavano abbigliamento e ristorazione. Oggi si vedono sempre più spesso negozi in franchising di qualsiasi tipo, dalla vendita di prodotti molto specifici fino alle scuole di lingue. Certo, il trend del mercato è spesso difficile da decodificare, anche perché in alcuni periodi  i negozi in franchising maggiormente aperti sono quelli dei marchi più nuovi, la cui spinta a volte si spegne rapidamente, senza consentire dia vere ampi margini di guadagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>