Come scegliere un dominio: 5 consigli efficaci

di La Redazione Commenta

Il dominio è un elemento la cui definizione è cruciale per chi desidera affacciarsi online per motivi professionali. Un qualcosa che si può equiparare, per importanza, al nome dell’azienda. In questo articolo ti proponiamo 5 consigli con cui effettuare una valutazione nel modo più produttivo. La tua scelta sarà così più consapevole ed efficace.

Come scegliere un dominio 5 consigli efficaci

Preferisci un nome semplice e corto

È importante che il nome del dominio risulti accattivante e semplice, sia da scrivere sia da ricordare. Un nome corto rimane più impresso ed è più funzionale in tal senso. Un trucco è quello di evitare numeri e trattini, la prima fonte di fraintendimento: se il nome è originale non ha bisogno di ulteriori elementi. Prova a digitarlo più volte e mostralo a persone di cui ti fidi, chiedendogli anche che cosa si aspettano di trovare una volta che l’hanno digitato.

Scegli un nome che rispecchi il tuo business

Adopera parole chiave che siano legate non solo alla brand identity della tua azienda ma anche al contesto in cui si trova inserita. È importante che il nome del dominio rispecchi appieno il business ma anche il tuo target di riferimento. Un nome costruito in questo modo rende più solida l’identità del brand ed è quindi più efficace, dato che prende a piene mani dal lessico utilizzato nel settore in cui vuoi posizionarti.

Struttura il dominio in un’ottica SEO

Una buona strategia se sei a corto di idee è di prendere delle parole chiave con un alto volume di ricerca nel tuo settore e sceglierle per il nome del tuo dominio. Questa strategia riscuote ancora oggi un discreto successo, e in alcuni settori molto competitivi permette di avere un piccolo vantaggio di partenza per posizionarsi fra i risultati di Google.

Attenzione a non farsi prendere troppo la mano con le keyword: ricordati sempre che il tuo nome di dominio deve essere memorabile e intrigante per gli utenti, non solo per i motori di ricerca.

Utilizza i TLD per la registrazione del dominio

L’estensione del dominio è uno degli elementi da non sottovalutare, dal momento che può fare la differenza nel posizionamento di un sito Web. Quando parliamo di “estensione” ci riferiamo alle sigle che si trovano dopo il nome di dominio: .com, .it, .eu e così via.

Nota come TLD (Top Level Domain), l’estensione di un dominio può essere legata a una particolare zona geografica (.it per i siti italiani, .eu per i siti che operano in Europa) oppure avere una connotazione internazionale, come il classico .com. I domini legati a un particolare territorio sono detti ccTLD (Country Code Top Level Domain), mentre quelli internazionali o slegati da una zona geografica sono denominati gTLD (General Top Level Domain).

La scelta del TLD giusto aiuta la riconoscibilità del tuo brand: se vuoi che il tuo sito attiri traffico in Inghilterra, avrai vita molto più facile con un dominio che termina in .co.uk, la sigla utilizzata in quella regione.

Oggi, alcuni casi di successo stanno mettendo in discussione le classiche restrizioni geografiche imposte dai loro domini ccTLD. Pensiamo a estensioni come .io, che spopola fra le aziende del settore tech: in teoria, questa estensione è nata per rappresentare il Territorio Britannico dell’Oceano Indiano, ma ormai viene utilizzata da talmente tanti siti che Google la interpreta come un dominio internazionale, alla stregua di .com, .org o .net.

Il vantaggio di un dominio come .io, .blog o .design sta nel fatto che queste estensioni comunicano con immediatezza il settore in cui opera un’azienda. Ma sono efficaci? Dipende dal progetto che hai in mente. Prova a sentire come suona il TLD che hai individuato: se il nome resta impresso può rappresentare un appeal in più. Diversamente potrai sempre utilizzare un’opzione più classica.

Fai attenzione al fatto che il dominio sia disponibile

Prima di registrare il dominio assicurati che sia disponibile. Se così non fosse, oltre a trovare un nome diverso puoi decidere di aspettare il termine di scadenza. Alcuni provider offrono anche dei servizi di brokeraggio, che ti permettono di organizzare delle trattative per acquistare un dominio in scadenza e ottenere un prezzo più vantaggioso.

Controlla, inoltre, la reputazione che presenta il nome attraverso il suo inserimento su Google e su altri motori di ricerca: in questo modo sarai sicuro di essere associato a una brand reputation positiva.

Se il dominio è disponibile fin dall’inizio, puoi acquistarlo immediatamente e dare via all’iter per la sua registrazione. Ricordati che la registrazione del dominio non coincide con la pubblicazione del sito, e in alcuni casi può rappresentare un semplice investimento: una pratica molto diffusa online è quella di acquistare un dominio dalle enormi potenzialità di marketing per poterlo rivendere a un prezzo maggiorato in futuro.

Il consiglio in più!

La registrazione del dominio online è importante e per farla si rivela cruciale la scelta di un hosting di qualità. Affidarti a un provider che offre servizi innovativi e sicuri ti consente di preoccuparti solo dell’ordinaria amministrazione perché il resto è a portata di clic.

Affidandoti ai migliori provider in circolazione, potrai gestire più domini in un’unica interfaccia e mantenere il tuo sito sempre al passo con i protocolli di sicurezza online più recenti. Potrai anche installare dei servizi accessori per rendere più veloce e sicura la trasmissione dei tuoi contenuti ai browser degli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>