Home » Ammortamento fiscale beni immateriali

Ammortamento fiscale beni immateriali

Spread the love

Fra imprese e professionisti, le regole fiscali previste per l’ammortamento dei beni materiali sono molto simili. Molto diverso èil discorso dei beni immateriali, perciಠla trattazione andrà  eseguita separatamente.

In sintesi, per le imprese èstabilito quanto segue.


I diritti per lo sfruttamento delle opere dell’ingegno, inclusi i brevetti, sono ammortizzabili fino ad un massimo annuo del 50%. Il costo storico dei marchi èammortizzabile per non pi๠di un diciottesimo all’anno. La medesima soglia (un diciottesimo) èprevista anche per l’avviamento.

I diritti di concessione, invece, sono ammortizzabili in quote annue uguali per l’intera durata della concessione stessa (esattamente come in bilancio).

I costi per ricerca e sviluppo possono essere dedotti integralmente nell’esercizio o ripartiti da due a cinque quote annuali costanti, mentre le spese di pubblicità  e propaganda sono deducibili in uno o cinque esercizi, senza soluzioni intermedie. Il processo di ammortamento, perà², si applica soltanto se il bene risulta capitalizzato anche in bilancio.

Un criterio residuale riguarda gli altri oneri immateriali capitalizzati (come i costi di impianto e ampliamento, le spese sostenute su immobili di terzi ecc.): sono riconosciute fiscalmente le medesime regole applicate secondo il codice civile.

Per quanto concerne i software, quello di base si considera incorporato al computer e dunque ne costituisce un onere accessorio indistinguibile. I software applicativi, invece, seguono quello che abbiamo definito “criterio residuale”.


Bene precisare che le regole proprie dei beni materiali (ammortamento integrale, riduzione alla metà  dell’aliquota per il primo anno di acquisto, ecc…) non si applicano ai beni immateriali.
Quanto ai lavoratori autonomi, la legge non prevede nessuna delle regole descritte. Percià², per le spese di natura immateriale si applica il principio di cassa, senza ulteriori considerazioni: tali costi saranno dedotti nell’esercizio in cui sono stati sostenuti, senza ammortamento.