Punizioni corporali per i dipendenti di una banca cinese, è polemica

di GianniPug Commenta

È scattata la polemica in relazione ad una serie di punizioni corporali comminate ai dipendenti dell banca cinese. Il video in rete ha suscitato tantissime polemiche. Ecco il video e il commento offerto da Repubblica.it la prima a dare notizia di ogni cosa. 

Colpiti quattro volte con un bastone, sculacciati e umiliati davanti ai colleghi. Il video shock che arriva dalla Cina mostra l’agghiacciante pratica dei dirigenti di una banca rurale cinese per punire i propri dipendenti accusati di scarso rendimento. Il filmato mostra otto dipendenti in fila mentre vengono puniti davanti a una platea imbarazzata. Un’impiegata accusa i colpi ed emette un urlo di dolore. Le autorità della Changzhi Zhangze Rural Commercial Bank sostengono che si trattasse di un ‘allenatore aziendale’ che ha agito durante un corso motivazionale della banca. Lo stesso ‘motivatore’, Jiang Feng, di una ditta specializzata di Shangai, si è scusato per l’accaduto. Questo non è bastato a scatenare un’ondata di polemiche in rete: in Cina non sarebbe il primo caso di pratiche corporali sui dipendenti, i quali verrebbero rasati o umiliati in diversi modi. Due dirigenti della banca sono stati licenziati dopo l’accaduto.

Questo il testo che introduce delle fortissime immagini. Ora, al di là del licenziamento dei dirigenti della banca bisogna tenere conto delle umiliazioni inflitte ai dipendenti, del fatto che non sono affatto dei momenti formativi e spesso sono utilizzati come strumenti per azzerare le pretese dei dipendenti. Peccato che azzerino anche le rese dei lavoratori. Ad ogni modo oggi si è dato un nome anche alle prepotenze o meglio all’effetto delle stesse. Si parla di mobbing e c’è da chiedersi se le punizioni corporali siano meglio o peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>