Contributi artigiani e commercianti 2013

di Stefania Russo Commenta

Nel 2013 è scattato il primo incremento di 0,45 punti percentuali sull'aliquota contributiva per artigiani e commercianti stabilito...

Nel 2013 è scattato il primo incremento di 0,45 punti percentuali sull’aliquota contributiva per artigiani e commercianti stabilito dal Dl Salva Italia. Tale incremento, ricordiamo, si ripeterà ogni anno fino a quando non verrà raggiunto il 24%.

In particolare, per quanto riguarda il comparto degli artigiani, l’aliquota base di quest’anno è del 21,75% (3.347,59 euro) per i titolari e i coadiuvanti/coadiutori con più di 21 anni e del 18,75% (2.886,88 euro) per i coadiuvanti/coadiutori con meno di 21 anni. Per i commercianti, invece, l’aliquota base è del 21,84% (3.361,41 euro) per i titolari e i coadiuvanti/coadiutori con più di 21 anni e del 18,84% (2.900,70 euro) per coadiuvanti/coadiutori che non superano i 21 anni di età.


Per il 2013, il reddito minimo su cui è calcolato l’importo da versare è pari a 15.357 euro, cifra ottenuta moltiplicando per 312 la retribuzione minima giornaliera di 47,07 euro utilizzata per il calcolo dei contributi in favore dei lavoratori dei due settori in questione, aumentata di 671,39 euro. Le aliquote percentuali sopra applicate, dunque, sono applicabili fino ad un reddito d’impresa 2012 pari a 45.530 euro, dopodiché superata tale soglia va applicata una maggiorazione di un punto di percentuale.

Oltre al reddito minimo è previsto anche un reddito massimo, pari a 75.883 euro per gli iscritti alla gestione prima dell’1 gennaio 1996, o che possono far valere tale anzianità contributiva, e a 99.034 euro per tutti gli altri. Il versamento massimo, dunque, per gli iscritti alla gestione con decorrenza anteriore al primo gennaio 1996 risulta pari a 16.808,08 euro per gli artigiani e a 16.876,38 euro per i commercianti, qualora questi siano titolari di qualunque età o coadiuvanti/coadiutori di età superiore ai 21 anni; pari a 15.531,59 euro per gli artigiani e a 15.599,89 euro per i commercianti, qualora questi siano coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni. Per i lavoratori privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, invece, il versamento massimo è di 22.074,94 euro per gli artigiani e di 22.164,07 euro per i commercianti, qualora questi siano titolari di qualunque età o coadiuvanti/coadiutori di età superiore ai 21 anni; pari a 19.103,92 euro per gli artigiani e a 19.193,05 euro per i commercianti, qualora questi siano coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni.

Per l’anno in corso resta confermato lo sconto del 50% riservato agli esercenti con più di 65 anni di età e quello del 9% previsto per i giovani con meno di 21 anni, così come pure è stata confermata per gli iscritti alla gestione degli esercenti attività commerciali la maggiorazione dello 0,09% a titolo di aliquota aggiuntiva ai fini dell’indennizzo per la cessazione definitiva dell’attività commerciale, nonché il contributo di 0,62 euro mensili per le prestazioni di maternità.

Rispondi