Dichiarazione IVA 2010 in profondo restyling

di Giuseppe Aymerich Commenta

L’Agenzia delle Entrate ha già diffuso la bozza del modello di dichiarazione IVA da presentare l’anno prossimo..

iva

L’Agenzia delle Entrate ha già diffuso la bozza del modello di dichiarazione IVA da presentare l’anno prossimo.

Il largo anticipo rispetto al solito dipende dal fatto che moltissimi contribuenti avranno la necessità di presentare la dichiarazione il prima possibile (slegandola da UNICO) per usufruire della possibilità di compensare i crediti IVA, sul cui impiego è stato recentemente deciso un pesante giro di vite.


Le novità sono più di forma che di sostanza: in effetti, le modifiche legislative in tema di IVA nell’ultimo anno sono state poche. Fra le altre cose, si segnala la necessità di specificare, all’interno di acquisti e cessioni con imposta ad esigibilità differita, gli importi derivanti dalle nuove norme sull’IVA per cassa e, nel frontespizio, l’introduzione di una nuova sezione destinata a raccogliere le dichiarazioni e sottoscrizioni dell’organo di controllo contabile, indispensabili, come accennato, per usufruire delle compensazioni del credito IVA sopra certi importi.


Ma i veri cambiamenti, come accennato, sono formali e riguardano la struttura del modello, resa più razionale. Scompare del tutto il quadro VG, in cui si indicavano numerosissime circostanze incidenti sulla detrazione dell’imposta sugli acquisti: parte di queste informazioni, come quelle destinate a calcolare il pro-rata di deducibilità, sono ora accolte nel quadro VF (che raddoppia di dimensioni) e parte cade nel dimenticatoio.

Drastica riduzione anche al quadro VA, destinato a raccogliere dati di carattere generale e statistico sul dichiarante: anche in questo caso, molti dati sono ora ridistribuiti negli altri quadri e qualcuno, evidentemente di secondaria importanza, non è più richiesto e scompare nel nulla.
Sempre con la finalità di ridurre le dimensioni del modello, spariscono parecchi righi finalizzati a determinare somme parziali o a riportare valori già indicati altrove: d’ora in avanti, dagli input di base si passerà direttamente ai totali.

Rispondi