Tassazione dei diritti d’autore musicali

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il T.U.I.R. (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) dedica alcune norme alla tassazione dei compensi derivanti dall’utilizzazione..

diritti musicali tassazione

Il T.U.I.R. (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) dedica alcune norme alla tassazione dei compensi derivanti dall’utilizzazione economica delle opere dell’ingegno; precisiamo che non vi è differenza fra i proventi da cessione definitiva dei diritti d’autore e le royalties derivanti da semplice concessione.

Perché si parli di “opere dell’ingegno” è necessario che siano presenti congiuntamente tre requisiti: creatività (è stato realizzato qualcosa di nuovo), originalità (dev’essere facilmente distinguibile da altre opere, e dunque non trattarsi di una semplice variazione di altre creazioni) e concretezza (l’opera deve essere riproducibile e quindi sfruttabile commercialmente).


Le possibilità sono due: il primo è il caso in cui i diritti sono sfruttati dallo stesso autore, il secondo è invece quello in cui sono sfruttati da terzi.

Nel primo caso avremo un reddito assimilato a quello di lavoro autonomo, per cui i diritti d’autore sono tassati secondo il principio di cassa (in base, cioè, alla data dell’effettivo incasso), ma il 25% del compenso è esente da tassazione, a titolo di deduzione forfetaria delle spese sostenute. Questa percentuale è elevata al 40% se il percettore ha meno di trentacinque anni: una recente norma a favore dei giovani artisti.


Nel secondo caso, invece, avremo a che fare con redditi diversi. Opera ugualmente il principio di cassa, ma la deduzione del 25% è operata solo se il percettore ha acquistato i diritti d’autore a titolo oneroso (compratori, concessionari…), mentre se li ha acquisiti a titolo gratuito (eredi, donatari…) non opera alcuna esenzione.

In tutti i casi, se lo sfruttamento dei diritti d’autore è compiuto da un imprenditore individuale all’interno della sua attività oppure da una società, si tratterà di un reddito da impresa e come tale andrà trattato, inclusa l’applicazione non del principio di cassa bensì di quello di competenza.

Rispondi