Deduzione spese auto: un po’ di chiarezza (I)

di Giuseppe Aymerich Commenta

Chiunque lavori in uno studio di consulenza fiscale saprà bene che una delle più frequenti domande..

porsche cayenne turbo

Chiunque lavori in uno studio di consulenza fiscale saprà bene che una delle più frequenti domande rivolte dal cliente inesperto riguarda come e in che misura dedurre le spese del proprio mezzo di trasporto, e in particolare quelle dell’automobile.

In generale regna una certa confusione in materia, sia perché le norme in proposito sono numerose e differenziate, sia perché le norme stesse hanno subito negli ultimi anni delle modifiche anche caotiche, derivate congiuntamente sia dall’esigenza di aumentare la tassazione che da quella di adeguare la nostra legislazione alle indicazioni fornite dalla Corte di Giustizia Europea.


Ora che però, finalmente, la legge sembra aver trovato un suo equilibrio che dovrebbe durare nel tempo, è possibile fare il punto e chiarire a tutto tondo la normativa.

Precisiamo subito che il discorso riguarda esclusivamente imprese e professionisti (il cosiddetto “popolo delle partite IVA”): i privati cittadini, infatti, non possono dedurre le spese di trasporto dal reddito, se non per casi assolutamente rari, come l’utilizzo di mezzi personalizzati da parte di portatori di handicap.

In compenso, comunque, a tutti i privati cittadini è riconosciuta la detrazione dall’IRPEF del 19% delle spese per l’abbonamento al trasporto pubblico locale, fino ad un massimo di 250 euro annui: si tratta però di una norma transitoria, che potrebbe non essere confermata negli anni a venire.


Ma anche in rapporto all’auto, in realtà, c’è una piccola voce che può essere presa in considerazione, anche se è un’agevolazione poco nota: si tratta del contributo al Servizio Sanitario Nazionale che si paga all’interno della polizza assicurativa per la responsabilità civile. Questo contributo, solitamente di ammontare modesto, è deducibile integralmente dal reddito.

Ben più complessa, invece, è la situazione dei titolari di partita IVA.

Rispondi