Comunicazione inizio attività senza imposta di bollo

di Stefania Russo Commenta

L'Agenzia delle Entrate con la risoluzione 24/E dell'8 aprile 2013 ha chiarito che non va assoggettata all'imposta di bollo...

L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 24/E dell’8 aprile 2013 ha chiarito che non va assoggettata all’imposta di bollo la dichiarazione di inizio attività, la dichiarazione di cessazione attività o quella per la modifica di un’attività produttiva. Questo sempre che non sia previsto il rilascio di provvedimenti o certificazioni.

Al contrario, è soggetto al pagamento di una marca da bollo da 14,62 euro a foglio il rilascio del nulla osta di fattibilità che i titolari delle attività soggette al controllo dei Vigili del fuoco possono richiedere preventivamente al Comando provinciale.


L’amministrazione finanziaria già in passato era intervenuta al riguardo con la risoluzione 109/2001, con la quale aveva chiarito che le denunce di inizio attività, non essendo prevista l’emanazione di un provvedimento autorizzativo, non possono essere fatte rientrare tra le istanze di cui all’articolo 3 della tariffa dell’imposta di bollo. Pertanto, esse sono da considerare come semplici comunicazioni e quindi non risultano soggette ad imposta di bollo.

Con la nuova risoluzione, dunque, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito in via definitiva che le conclusioni raggiunte nella risoluzione 109/2001 con riferimento alla dichiarazione d’inizio attività sono applicabili anche alla Scia, la nuova dichiarazione d’inizio attività che ha sostituito la precedente denuncia di inizio attività (Dia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>