Analisi efficienza redditometro 2013

di GianniPug Commenta

Le informazioni che vengono raccolte infatti sembrano assolutamente parziali e spesso vengono fornite da parte drllo stesso contribuente; questo significa che i controlli saranno facilmente eludibili.

agenzia-entrate

Nei giorni scorsi ha ufficialmente debuttato il redditometro 2013 che è stato completamente rivisto rispetto all’anno scorso. Infatti tutti i difetti del redditometro 2012 sono stati corretti ed il nuovo sistema sarà in grado di compiere delle analisi ancora più dettagliate ed approfondite sui redditi dei contribuenti.

Nelle settimane scorse sono state diramate delle note ufficiali che elencano tutte le voci di spesa redditometro che verranno vagliate dal sistema, ma adesso con l’entrata in vigore del nuovo strumento dell’Agenzia delle Entrate si viene a conoscenza di quali voci saranno maggiormente sensibili ai controlli fiscali, ossia quali avranno un maggior peso nell’analisi effettuata dal cervello automatico messo a punto dai tecnici del Fisco.

Il professore associato di Scienza delle Finanze all’università Bicocca di Milano, Alessandro Santoro, ha fornito una panoramica sul funzionamento del nuovo sistema spiegando che tutti i contribuenti che possiedono, per esempio una automobile come una Mercedes o una Ferrari, non potranno risultare agli occhi del Fisco come nullatenenti. Lo stesso professore ha definito questo ragionamento come una logica aristotelica, ma ha anche messo a fuoco alcuni dubbi inerenti l’intero sistema.

Infatti ciò che renderà possibile il funzionamento dell’intero meccanismo sarà la disponibilità o meno per il fisco di un efficiente sistema di tracciabilità degli acquisti da parte dei contribuenti. Solo in questo modo il redditometro 2013 riuscirà a registrare le variazioni patrimoniali e, sempre secondo il professore associato, il nuovo sistema è molto carente sotto questo aspetto. Per tutti questi aspetti le speranze sull’efficacia concreta anti-evasione del nuovo redditometro restano molto basse.

Le informazioni che vengono raccolte infatti sembrano assolutamente parziali e spesso vengono fornite da parte drllo stesso contribuente; questo significa che i controlli saranno facilmente eludibili. Ad esempio gli stessi contribuenti che avranno intenzione di evadere ed eludere il fisco potranno farlo con un sistema di  intestazione fittizia dei beni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>