Orario di lavoro trasporti inclusi, ma non per tutti

di GianniPug Commenta

La Corte Europea strizza l’occhio ai pendolari – non a tutti s’intende – spiegando che l’orario impiegato per recarsi in ufficio dovrebbe essere considerato orario di lavoro. In Italia si potrebbe arrivare a questo ma per chi varrebbero le regole. 

Il presupposto è che il primo e l’ultimo viaggio della giornata rientrano a tutti gli effetti nel monte ore complessivo. La sentenza vale però solo per i dipendenti “senza luogo di lavoro fisso o abituale”. Che vuol dire? Che vale soltanto per chi esercita ad esempio la professione del rappresentate o dell’agente di commercio.

Spiega Il Fatto Quotidiano a riguardo:

Il pronunciamento nasce dal ricorso di una società spagnola, laTyco, specializzata in impianti antifurto e antincendio, che nel 2011 ha chiuso gli uffici regionali sostituendoli con una rete di operatori dotati di auto e cellulare di servizio. La Corte, applicando la direttiva 88/2003 sull’organizzazione dell’orario di lavoro, ha dichiarato che “nel caso in cui dei lavoratori non abbiano un luogo di lavoro fisso o abituale, il tempo che tali lavoratori impiegano per gli spostamenti quotidiani tra il loro domicilio e i luoghi in cui si trovano il primo e l’ultimo cliente indicati dal loro datore di lavoro costituisce orario di lavoro”.

Si specifica anche che

“i lavoratori siano a disposizione del datore di lavoro durante i tempi di spostamento” perché “i lavoratori non hanno la possibilità di disporne liberamente e di dedicarsi ai loro interessi“. Infatti “la circostanza che i lavoratori comincino e terminino i tragitti presso il loro domicilio è una conseguenza diretta della decisione del loro datore di lavoro di eliminare gli uffici regionali e non della volontà dei lavoratori stessi”. Ne deriva che “costringerli a farsi carico della scelta del loro datore di lavoro sarebbe contrario all’obiettivo di tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori perseguito dalla direttiva, nel quale rientra la necessità di garantire ai lavoratori un periodo minimo di riposo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>