Il problema della ricongiunzione dei contributi

di Vito Verna Commenta

Così sarebbe stato e ciò avrebbe finito per influire sulle risorse economico-finanziarie delle famiglie italiane che avrebbero dovuto sborsare, per la ricongiunzione di tutti i contributi previdenziali, anche diverse centinaia di migliaia di euro.

Il problema della ricongiunzione dei contributi

L’allora ministro dell’Economia e delle Finanze Giulio Tremonti, come forse ricorderete, introdusse nell’estate del 201o, ed in particolare nell’ambito dei lavori per l’approvazione dell’allora legge di stabilità, o manovra finanziaria, la possibilità, subito divenuta quanto mai concreta, che la ricongiunzione dei contributi, operazione finanziaria essenzialmente consistente nell’unificazione dei contributi versati presso più di un istituto previdenziale a favore dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, sino ad allora gratuita, potesse divenire onerosa.

RICONGIUNZIONE CONTRIBUTI

Così, effettivamente, sarebbe stato e, purtroppo, ciò avrebbe finito per influire, in maniera decisamente negativa, sulle risorse economico-finanziarie delle famiglie italiane che, in base ai calcoli effettuati dall’INPS, avrebbero dovuto sborsare, per la ricongiunzione di tutti i contributi previdenziali, anche diverse centinaia di migliaia di euro.

CALCOLO CONTRIBUTI VOLONTARI

Si sarebbe subito dopo l’approvazione di quella particolare manovra finanziaria capito che quella specifica norma, creata per evitare che alcune svantaggiate categorie di lavoratori, quali per esempio le donne, migrassero verso l’INPS allo scopo di andare in pensione prima di quanto avrebbero potuto fare rimanendo nell’ambito delle competenze della propria cassa previdenziale, era stata elaborata in maniera decisamente errata.

CONTRIBUTI FIGURATIVI MATERNITA’

Purtroppo, come reso noto in questi giorni dalla Ragioneria di Stato, l’abolizione della ricongiunzione onerosa potrebbe non veder mai la luce poiché, stando agli esperti contabili dello Stato italiano, il Governo Monti avrebbe attualmente bisogno, allo scopo di garantire, a tutti gli italiani che lo richiedano, il ritorno alla ricongiunzione non onerosa dei contributi previdenziali, di una copertura economica non inferiore a 1,4 miliardi di euro che, molto probabilmente, non riusciranno mai a venir stanziati.

Rispondi