Collegato Lavoro: novità per precari e artigiani

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il Collegato Lavoro contiene anche una pesante sanatoria in materia di regolarizzazione dei precari..

Il Collegato Lavoro contiene anche una pesante sanatoria in materia di regolarizzazione dei precari. Com’è noto, la legge Biagi stabilisce che i contratti a progetto che, di fatto, mascherino una situazione di subordinazione, si trasformano ex lege in un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato; al momento sono in corso numerose cause davanti ai tribunali per far valere tale diritto.


Ebbene, la riforma stabilisce che in tutte le situazioni nelle quali il datore di lavoro abbia offerto, entro la data del 30 settembre 2008, di stipulare un contratto di lavoro subordinato, la trasformazione ex lege del rapporto non si applica: al lavoratore spetterà, invece, una buonuscita fra le 2,5 e le 6 mensilità. Sono però fatte salve le sentenze già passate in giudicato.

Arrivano novità importanti anche nei rapporti fra imprese artigiane e INPS. In generale, se un rapporto di lavoro cessa e non viene comunicato all’Istituto di Previdenza Sociale, l’imprenditore può essere chiamato a pagare una multa per la mancata comunicazione ma non è tenuto a pagare i contributi al lavoratore anche per il periodo successivo alla cessazione del rapporto, una volta dimostrato come sono andate le cose.
La nuova regola stabilisce norme più rigide per le imprese artigiane.

Qualunque variazione dei rapporti contrattuali, inclusa la loro cessazione, deve essere comunicata all’INPS entro tre anni: in mancanza, nessuna variazione potrà essere opposta all’Istituto.


Perciò, l’artigiano che licenzia il dipendente nel 2010 e non lo comunica entro il 2013 all’INPS, se nel 2014 subisce un controllo dell’Istituto può essere chiamato a versare i contributi anche per gli anni successivi al licenziamento.
Proprio per la diffusione del problema e per le sue importanti conseguenze, l’INPS è chiamato a rendere il più possibile nota questa norma a tutti gli interessati.

Rispondi