Potenziati gli incentivi sulla produttività

di Giuseppe Commenta

Innanzitutto, si è scelto di rinunciare a favorire il ricorso al lavoro straordinario, lasciando esclusivamente..

Con il consenso di Confindustria e della maggiore parte delle forze sindacali, il Governo ha deciso di prorogare all’intero 2009 la misura agevolativa sulla detassazione del lavoro dipendente già adottata negli ultimi sei mesi del 2008, ma con alcune significative novità.

Innanzitutto, si è scelto di rinunciare a favorire il ricorso al lavoro straordinario, lasciando esclusivamente il campo ai premi di produttività previsti dai contratti di comparto, aziendali o individuali. Nel 2009, perciò, lo straordinario tornerà ad essere tassato in forma regolare.


Si allarga però la portata della misura sui premi di produttività: l’aliquota agevolata del 10% si applicherà fino alla quota di 6.000 euro l’anno di premi (nel 2008 il tetto era pari a 3.000) e purché il reddito complessivo del lavoratore nell’anno precedente non superi la soglia di 35.000 euro (contro i 30.000 della misura previgente).

Rispetto alla formulazione precedente, inoltre, verranno inclusi fra i beneficiari anche i lavoratori appartenenti a comparti prima esclusi: in particolare, si tratta dei subordinati operanti nei rami della sicurezza, della difesa e del soccorso.


Fra le altre misure a sostegno dei lavoratori, si segnalano un bonus per i collaboratori a progetto pari al 5% del compenso annuo complessivo del 2008 (purché siano rispettate numerose condizioni, come l’iscrizione alla Gestione Separata dell’INPS per almeno tre mesi e l’aver operato in regime di monocommittenza) e l’estensione delle deroghe all’ordinaria disciplina degli ammortizzatori sociali a favore di categorie normalmente escluse da questi benefici, come i lavoratori atipici.

Il pacchetto complessivo delle misure sul lavoro, messo a punto dal ministro Sacconi, ha un valore stimato intorno al miliardo di euro.

Rispondi