Ecco il nuovo Codice degli Appalti

di Vito Verna Commenta

Nel frattempo, come forse saprete, l'Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici avrebbe recentemente avuto modo di pubblicare on line il nuovo bando tipo contenente sia i criteri standard che le eventuali, legittime, clausole di esclusione.

Ecco il nuovo Codice degli Appalti

Nonostante il ddl Anticorruzione, recentemente approvato, con fiducia, dal Senato della Repubblica, abbia introdotto sostanziose novità in materia di appalti pubblici, la notizia di oggi è che, nel giro di qualche mese, al Governo Monti verrà concessa la delega, direttamente dal Parlamento della Repubblica, di mettere mano alle oltre 120 nuove normative che, lo stesso Governo Monti, avrebbe in quest’ultimo anno approvato proprio in materia di lavori pubblici.

LA CRISI DELL’IMPRENDITORIA SECONDO DEMOS – COOP

Scopo dell’iniziativa e del susseguente operato del Governo Monti sarà quello di redigere, e possibilmente approvare in via definitiva, un vero e proprio nuovo Codice degli Appalti che non solamente sia in linea con le ultime disposizioni in tema di lotta alla corruzione bensì anche, e soprattutto, cerchi il più possibile, ove ovviamente possibile, di armonizzare l’intera normativa attualmente riguardante, per l’appunto, i lavori e gli apparti pubblici.

COME RECUPERARE I SOLDI DI UNA FATTURA NON PAGATA

Nel frattempo, come forse saprete, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici avrebbe recentemente avuto modo di pubblicare on line il nuovo bando tipo contenente sia i criteri standard che le eventuali, legittime, clausole di esclusione.

LA GUIDA AI PRESTITI DI IMPRESA E LAVORO

Codesto nuovo bando, che sarebbe stato redatto sulla base di un ben preciso criterio, ovverosia quello della riduzione, ove non addirittura della completa eliminazione, dei contenziosi in materia di affidamento dei contratti pubblici, individuerebbe 90 specifiche clausole di esclusione suddivise in tre differenti macro-aree di interesse:

  • irregolarità relative agli adempimenti previsti dal Codice degli Appalti e dal relativo regolamento attuativo (Dpr 207/2010);
  • carenza di elementi essenziali dell’offerta;
  • irregolarità relative agli adempimenti formali di partecipazione alla gara.

Photo Credits | Getty Images

Rispondi