Contratto a progetto tassazione e contributi previdenziali

di Giuseppe Aymerich 11

In origine, i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa erano considerati dalle leggi fiscali come una sottospecie del..

operaio lavoratore

In origine, i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa erano considerati dalle leggi fiscali come una sottospecie del lavoro autonomo.

Dal 2001, invece, essi sono stati assimilati al lavoro dipendente, cui di fatto presentano maggiori somiglianze.

Quest’assimilazione comporta numerose conseguenze degne di nota. Il committente, innanzitutto, riveste fiscalmente il ruolo di sostituto d’imposta: ciò significa che dovrà apportare trattenute fiscali e previdenziali per conto del lavoratore sulla sua busta-paga. Anche per i co.co.pro., dunque, stipendio lordo e stipendio netto sono valori ben distinti.


Poiché i compensi del co.co.pro. rientrano nella famiglia dei redditi da lavoro dipendente, il lavoratore può contare sulle stesse detrazioni da imposta previste dal T.U.I.R. a favore dei subordinati, superiori a quelle previste per gli autonomi. Il collaboratore, inoltre, ha diritto di ricevere la busta-paga ogni mese e il CUD ogni febbraio, e ha diritto a ricorrere all’assistenza dei CAF per la redazione della dichiarazione dei redditi.

Oltre all’IRPEF e relative addizionali, il committente detrae dal compenso del collaboratore anche la quota di contributi previdenziali (destinati alla Gestione Separata) a carico del co.co.pro. stesso. Due terzi dei contributi complessivamente dovuti, infatti, sono a carico dello stesso committente, mentre un terzo, a carico del lavoratore, gli è detratto dalla busta-paga.


Secondo le regole applicate nel 2009, il datore di lavoro ha dovuto riversare complessivamente all’INPS una quota di contributi previdenziali pari al 25,72% del compenso lordo riconosciuto al lavoratore non iscritto ad altre forme pensionistiche obbligatorie, e al 17% in caso opposto; nel 2010, però, tali aliquote aumenteranno entrambe di un punto percentuale.

L’aliquota dei contributi, infatti, è andata crescendo negli anni al fine di consentire una pensione più dignitosa agli iscritti alla Gestione Separata. Essa resta, tuttavia, ancora modesta rispetto ai contributi riconosciuti ai lavoratori dipendenti.

Per scaricare l’esempio di contratto in versione PDF clicca su Esempio di contratto a progetto.

Commenti (11)

  1. Sono un co co pro, prendo circa 800 lorde, mi hanno sempre sottratto l’irpef (sulle 100e) a dicembre però mi hanno tolto più di 300e è normale?

  2. Si: ti hanno fatto il conguaglio e questo pesa in modo partiocolare sul mese di dicembre. Capita anche ai lavoratodi dipendenti: a dicembre la paga e’ sempre povera rispetto agli altri mesi (e anche questi non sono particolarmente ricchi).

  3. Ho firmato oggi un contratto a progetto con termine al 31 dicembre 2010. Per il progetto mi viene riconosciuto un compenso di 20.000€ lordi, che mi verranno accreditati con cadenza mensile. Che calcolo devo fare per ricavare la retribuzione netta?

  4. per un contratto cocopro annuale (da fame) da 2444 euro sto pagando 200 euro di irpef (circa) che il mio datore di lavoro non ha anticipato. Vorrei sapere se la norma prevede che il datore di lavoro sia obbligato ad anticipare una parte della suddetta tassa oppure è tutto sulle mie spalle????? qualcuno può darmi una risposta? Grazie!!!

  5. Sono andato in pensione nel 2001 e da allora ad oggi ho lavorato saltuariamente con contratti cocopro per un periodo complessivo di oltre 3 anni. Avendo l’azienda presso cui ho lavorato, versato in questo periodo regolarmente i contributi INPS ho diritto ad una integrazione della pensione di anzianità?
    Grazie

  6. può il datore di lavoro farsi carico anche della quota di 1/3 dei contributi a carico del collaboratore?
    [email protected]

  7. Da due anni lavoro con Contratto a Progetto, sulla busta paga alla voce “Ritenute Sociali” compaiono normalmente delle ritenute che mi dicono vanno all?INPS come contribuzione previdenziale.
    Come mai non figurano nella mia posizione contributiva INPS?
    Grazie

  8. Posso avere il calcolo di uno statino co.co.co. anno 2013 partendo da € 19.624,00Lordo Stato
    Inps 27,72
    Inail 0,505
    Irap 8,50

  9. Salve, ho lavorato per quasi 5 anni con un contratto a progetto,percependo uno stipendio netto di 1000 euro mensili, mi chiedo “ma ai fini pensionistici” questi anni sono considerati?, vengono considerati come part-time, quindi come se fossero 2 anni e mezzo?, oppure sono anni persi?, Premetto che non mai versato un centesimo all’inps, lo ha fatto solo il mio datore di lavoro.

  10. Salve, ho lavorato per quasi 5 anni con un contratto a progetto,percependo uno stipendio netto di 1000 euro mensili, mi chiedo “ma ai fini pensionistici” questi anni sono considerati?, vengono considerati come part-time, quindi come se fossero 2 anni e mezzo?, oppure sono anni persi?, Premetto che non mai versato un centesimo all’inps, lo ha fatto solo il mio datore di lavoro.

  11. Sono pensionato da 2 anni con 40 anni di contributi ma continuo a collaborare con l’azienda come co.co.pro. Vorrei sapere che fine fanno i sostanziosi contributi versati all’INPS. Posso chiedere l’integrazione alla pensione? Grazie

Rispondi