Misure per il rilancio dell’agroalimentare

di Giuseppe Commenta

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, ed è dunque operativo, il decreto-legge..

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, ed è dunque operativo, il decreto-legge approvato dal Governo lo scorso 31 ottobre e contenente alcune attese misure dirette a favorire il settore agroalimentare, duramente messo alla prova dalle persistenti crisi dei consumi e dei mercati.

Il pacchetto contiene misure diverse, ma tutte comunque rivolte alla direzione indicata.
Innanzitutto, viene confermato il vacillante credito d’imposta introdotto dalla precedente legge Finanziaria approvata alla fine del 2007.


Vacillante perché l’Unione Europea ha chiesto alcune significative modifiche allo schema legislativo, che sono state appunto accolte con il decreto-legge in oggetto.

Per il 2008 e il 2009, dunque, le piccole e medie imprese operanti in ambito agricolo godranno di un credito d’imposta pari al 50% degli investimenti sostenuti in eccedenza rispetto alla media dei tre esercizi precedenti. Tale credito non potrà essere chiesto a rimborso, bensì utilizzato esclusivamente in compensazione.

Oltre a tale importante (e attesa) misura, il Governo è poi intervenuto su alcune questioni di dettaglio, fornendo alcuni chiarimenti sugli incentivi fiscali a favore del biodiesel (carburante fiscalmente agevolato perché ecologico), stanziando un contributo a fondo perduto pari a circa 5,6 milioni di euro a favore dell’EIPLI (Ente per l’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia), gravemente indebitato e a rischio di chiusura, e infine stabilendo alcune misure minori a sostegno dei settori della pesca e dell’acquacoltura.


In verità, comunque, tutti sono consci che queste sono solo misure-tampone dettate da logiche contingenti, e che il vero rilancio di questi e di altri settori produttivi potrà aversi solo quando ci sarà il rilancio complessivo della nostra economia e del potere d’acquisto delle famiglie.

Rispondi