Antitrust su grande distribuzione organizzata agroalimentare

di Francesco Di Cataldo Commenta

Secondo l'Antitrust è doveroso fare chiarezza sul processo di acquisto da parte delle grandi catene di supermercati..

Dopo alcune segnalazioni e denunce da parte delle varie associazioni dei consumatori, l’Antitrust, organo che vigila nella trasparenza del mercato, ha iniziato ad indagare sulla grande distribuzione agroalimentare per approfondire le dinamiche competitive del settore, anche alla luce della loro importanza sulla formazione dei prezzi finali.

Secondo l’Antitrust è doveroso fare chiarezza sul processo di acquisto da parte delle grandi catene di supermercati che sempre più spesso si uniscono in consorzi e cooperative aumentando sensibilmente il proprio potere di acquisto nei confronti dei produttori che spesso si traducono in piccole e medie imprese.



Le PMI dell’agroalimentare infatti è possibile che si trovino in difficoltà nel trattare una vendita con le grandi catene in grado di espletare un enorme potere grazie all’enorme quantità in grado di acquistare. Non solo, ma l’organo di controllo ha intenzione di fare chiarezza anche nei confronti delle marche proprie dei supermercati in grado di fare una concorrenza spietata.

Il consumatore infatti, nella maggior parte dei casi, acquista un prodotto con il marchio del supermercato con la consapevolezza della buona qualità, senza preoccuparsi del fatto che dietro a quel prodotto si nasconde forse una trattativa sul prezzo molto dura che potrebbe mettere in difficoltà il produttore che si trova costretto a vendere un prodotto ad un prezzo ben al di sotto del valore di mercato.

Rispondi