Trasporti di merci via fiume

di Giuseppe Aymerich 1

L’idea di trasportare le merci servendosi di grandi chiatte che navigano su fiumi e laghi presenta un’aria irrimediabilmente antica..

L’idea di trasportare le merci servendosi di grandi chiatte che navigano su fiumi e laghi presenta un’aria irrimediabilmente antica. Ma è un’idea errata, e tutta italiana: da noi praticamente non esistono lunghi fiumi navigabili, e la catena delle Alpi rende impraticabile un collegamento tramite canali artificiali con i principali bacini idrografici europei.

Al contrario, altrove i trasporti via fiume non solo sono una realtà funzionante da secoli ma addirittura affrontano l’inizio del nuovo millennio con rinnovata fortuna.


I vantaggi dei trasporti tramite i corsi d’acqua dolce sono diversi. Innanzitutto, vi è un risparmio in termini di costi: una singola chiatta può trasportare lo stesso numero di container di decine di autocarri, con un dispendio di carburante complessivamente minore.
In secondo luogo vi è un netto vantaggio dal punto di vista dell’inquinamento ambientale: non a caso, lo sviluppo delle idrovie è favorito dai governi del Nord Europa, più sensibili alle questioni “verdi”.
Si calcola che ad oggi circa il 10% delle merci commerciate all’interno dei confini continentali sia spostata per via fluviale o lacustre, con punte che raggiungono il 42% in Olanda, il Paese più canalizzato d’Europa e forse del mondo.


Percentuali molto significative, d’altronde, si registrano negli Stati scandinavi e in tutte le aree che gravitano intorno al Reno e al Danubio. La prossima frontiera si chiama Russia: ad oggi le idrovie sono sfruttate in misura molto modesta, ma le potenzialità messe a disposizione dalla natura sono enormi. Verrà il giorno, probabilmente, che partiranno merci dalla Francia e arriveranno agli Urali senza passare per gomma o per rotaia (vie oggi prossime alla saturazione).
E in Italia? Ad oggi si conosce un’unica realtà in azione, lungo la seconda metà del Po, fra Cremona e Venezia; ma il suo utilizzo rimane modestissimo.

Commenti (1)

  1. Come ideatore del Canale transalpino Danubio-Tirol-Adria, che collegherebbe l’Adriatico e la rete fluviale in Padania con il Danubio, la grande arteria, che apre verso tutta l’Europa, vorrei presentarVi il concetto innovativo del Progetto Tirol-Adria: Senza ruote e con forza idrica attraverso le Alpi!
    Sarebbe proprio l’Italia che dovrebbe sviluppare una nuova logistica. L’Italia, circondata dal mare, con fiumi e canali esistenti o non terminati (Venezia-Padova), che portano il mare nel retroterra, ha i presupposti per trasformarsi e di spostare il traffico merci sulle idrovie e sulle autostrade del mare, già dotate di infrastrutture portuali.
    L’introduzione della linea ferroviaria Berlino-Palermo con la galleria del Brennero (BBT) nell’elenco dei TEN avvenne ancora prima della nascita dell’idea progettuale, della cosìdetta “Idrovia Danubio-Tirol-Adria”, che è talmente innovativa e di grande importanza per lo sviluppo in Italia ed in Europa. Rivoluzionerà il trasporto dei beni!
    Da accentuare è anche la sua autofinanziabilità proprio in questo perido di crisi. Ho chiesto al Ministero delle Infrastrutture ed alla Direzione Generale Acque e Impianti elettrici del Ministero dei Lavori Pubblici di esaminarlo urgentemente e di prenderlo in considerazione prima ancora di decidere definitivamente sulla costruzione della galleria di base del Brennero – BBT.
    Invito a visitare il sito http://www.tirol-adria.com anche per scaricare dalla prefazione l’appello ed altra documentazione illustrativa o dalla stampe gli articoli “Dall’Adriatico al Danubio: in nave sotto le Alpi” di Achille Rosa e “Il passaggio a NordEst” di Pierluigi Coppa.
    Le vie d’acqua insieme al canale transalpino aprirebbero il collegamento diretto tra p.es. Milano ed i maggior centri industriali in Europa.

    Chiedo gentilmente di appoggiare questa iniziativa, che potrebbe diventare realtà in pochi decenni, come scrive Achille Rosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>