Pensioni della scuola, scadenze 2015 per ATA e docenti

di GianniPug Commenta

Pensioni della scuola, scadenze 2015 per ATA e docenti da rispettare nel caso di cessazione del servizio per scelta o d'ufficio. Ecco cosa tenere a mente.

A partire dal 2015 il personale ATA o il personale docente potranno fare la domanda di cessazione del servizio o sarà possibile per il dirigente scolastico definire la cessazione d’ufficio. In ogni caso la prima scadenza da considerare è quella del 15 gennaio 2015. Ecco per chi vale e come si deve procedere caso per caso. 

Il 15 gennaio è la prima scadenza per la presentazione della domanda di cessazione del servizio per raggiungere il minimo contributivo, oppure per la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, con l’accesso alla pensione anticipata.

Le domande per questo tipo di cessazione del servizio devono essere presentate esclusivamente per via telematica, online, tramite la procedura web Polis “istanze online” che è accessibile dal sito del ministero dell’Istruzione. Il personale che presta servizio all’estero, invece, potrà effettuare la richiesta anche in modalità cartacea.

Per entrambi i tipi di domanda le cessazioni dovranno essere convalidate al SIDI tramite la funzione apposita, entro il 16 febbraio 2015. Per quanto riguarda la cessazione d’ufficio, si tratta di una procedura che è nelle possibilità del dirigente scolastico che può risolvere il rapporto di lavoro dei docenti e del personale ATA dando loro un preavviso di sei mesi. Per questo la seconda data da mettere in calendario è il 28 febbraio dell’anno scolastico che precede quello della cessazione del servizio.

Nei confronti di coloro che hanno maturato i requisiti per la pensione entro il 31 dicembre 2011 e hanno 40 anni di anzianità contributiva; nei confronti delle donne che entro il 31 agosto del 2015 possono far valere un’anzianità contributiva di 41 anni e 6 mesi e nei confronti degli uomini che alla stessa data possono far valere 42 anni e 6 mesi di anzianità contributiva; nei confronti del personale che ha beneficiato della riammissione la servizio con una sentenza del giudice ordinario; è possibile che sia adoperata la cessazione d’ufficio del servizio con decorrenza dal 1° settembre 2015. La cessazione d’ufficio è disposta in forma autonoma dall’amministrazione scolastica con o senza la comunicazione preventiva all’assicurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>